“La gestione della classe e gli alunni che cambiano”: "Sempre connessi"

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [WDFU3CSN] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [PZ1IT2DY] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [FUDNFRCX] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

“La gestione della classe e gli alunni che cambiano”: "Sempre connessi"

Come vivono i loro spazi i ragazzi di oggi? Quanti rischi corrono con una sovraesposizione mediatica? Un valido testo con tante risposte a cura di Maria Calabretta

sempre-connessi1

Seconda puntata per il ciclo di suggerimenti bibliografici di lettura estiva dedicata a tutti coloro i quali seguono con attenzione le tematiche di “Sesamo”.

Per il tema “La gestione della classe e gli alunni che cambiano”, la direttrice Graziella Favaro consiglia la lettura di "Sempre Connessi - Per non perdere le tracce dei propri ragazzi tra facebook e social network. una guida per genitori ed insegnanti" di Maria Calabretta (Franco Angeli, 2013).

Sintesi

Siamo passati dal diario segreto alla vita pubblica sui social, quindi alla condivisione dei nostri stati d’animo. Cosa comporta questo per un ragazzo? Le relazioni in rete sono davvero solide? Perché c’è la compulsione di controllare se gli altri hanno letto quanto tu possa aver scritto? La rete Internet, oltre a essere un grande strumento, può comportare dipendenza e disagio. Per questo agli educatori, agli insegnanti, ai genitori, servono degli strumenti per cercare di capire il fenomeno e aiutare i ragazzi a evitare i rischi che un'esposizione mediatica comporta quando si gioca con la propria identità.

I consigli de “La gestione della classe e gli alunni che cambiano”

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

3 Luglio 2019 News

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola