"Libri per distrarsi, riposarsi, ritrovarsi": "Un albero cresce a Brooklyn"

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [M9YWXNT8] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [9IYVTPEG] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [E2BX73KH] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

"Libri per distrarsi, riposarsi, ritrovarsi": "Un albero cresce a Brooklyn"

Dal romanzo di Betty Smith si capisce che l’amore per i libri e le storie può cambiare la vita. Come insegnanti potremo riflettere su quanto sia importante leggere ai bambini

un albero cresce a brooklyn

Proseguiamo con la categoria di “Libri per distrarsi, riposarsi, ritrovarsi”, dedicata agli insegnanti ma più in generale a tutti gli adulti, con il suggerimento di "Un albero cresce a Brooklyn" di Betty Smith (Neri Pozza, 2008).

Perché leggerlo (di Maurizia Butturini, direttrice di “Scuola dell’Infanzia”)

A parte la storia bellissima, da tutto il romanzo si capisce che l’amore per i libri e le storie può cambiare la vita. Ameremo i personaggi del libro e soprattutto Francie, la protagonista. Come insegnanti potremo riflettere su quanto sia importante leggere, leggere, leggere ai bambini.

Sintesi (da giuntialpunto.it)

È l'estate del 1912 a Brooklyn. I raggi obliqui del sole illuminano il cortile della casa dove abita Francie Nolan, riscaldano la vecchia palizzata consunta e le chiome dell'albero che, come grandi ombrelli verdi, riparano la dimora dei Nolan. Alcuni a Brooklyn lo chiamano l'Albero del Paradiso perché è l'unica pianta che germogli sul cemento e cresca rigoglioso nei quartieri popolari. Insieme a suo fratello Neeley, Francie raccoglie pezzi di stagnola che si trovano nei pacchetti di sigarette e nelle gomme da masticare, stracci, carta, pezzi di metallo e li vende in cambio di qualche cent.

Francie se ne va a zonzo per Brooklyn. Lungo il tragitto forse qualcuno le ricorderà che è un peccato che una donna così graziosa come sua madre, ventinove anni, capelli neri e occhi scuri, debba lavare i pavimenti per mantenere tutta la famiglia. Qualcun altro magari le parlerà di Johnny, suo padre, il ragazzo più bello e più attaccato alla bottiglia del vicinato, qualcuno infine le sussurrerà mezze parole sull'allegro comportamento di sua zia Sissy con gli uomini. Francie ascolterà e ogni parola sarà per lei una pugnalata al cuore, ma troverà, come sempre, la forza per reagire, poiché lei è una bambina destinata a diventare una donna sensibile e vera, forte come l'albero che, stretto fra il cemento di Brooklyn, alza rami sempre più alti al cielo.

"Libri per distrarsi, riposarsi, ritrovarsi" 

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

15 Luglio 2019 In libreria

Condividi

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola