Contenuto riservato agli abbonati io+

Estate alle porte: un diario di bordo come compito

Il piacere di scoprire il mondo che c’è intorno, come diceva Zavalloni: disegnare l’ambiente e ricordarne i nomi geografici, raccogliere sassi, osservare pesci e descriverli, ascoltare canzoni estive e scrivere il testo... Di M. Concetta Messina.

di Maria Concetta Messina24 maggio 20173 minuti di lettura
Estate alle porte: un diario di bordo come compito | Giunti Scuola

Al ritorno dalle vacanze estive, lo scorso anno, nell’entrare in una classe quarta della scuola dove lavoro, sono stata colpita da una babelica torre di quadernini e quadernoni dalle fogge e dai colori più disparati. I bambini hanno presto esultato:-Sono i nostri diari di bordo!
Ho iniziato a sfogliarli ed è stato come aprire un forziere polimaterico. Si è dispiegato ai miei occhi il tempo estivo dei bambini , da loro


Scuola primaria