La didattica per task e l’italiano L2 ai livelli iniziali

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [FFU7WXBW] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [M9JZ8DCX] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [EW44YXTB] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

La didattica per task e l’italiano L2 ai livelli iniziali

Una sequenza di task e flashcard da usare in classe, per aiutare i bambini a parlare della routine quotidiana. Di Stefania Ferrari

insegnante-alunni

L’approccio didattico per task accompagna in modo naturale i bambini nello sviluppo delle competenze linguistiche. Sperimentiamo alcuni task e osserviamo come attivano l’apprendimento e la riflessione sulla lingua.

 

Che cos’è un task?

Per task s’intende un’attività in cui la lingua è usata dall’apprendente per raggiungere obiettivi extralinguistici. Per definizione si distingue da un esercizio in quanto:
– il significato è primario;
– gli apprendenti non devono ripetere a pappagallo contenuti altrui;
– il compito riproduce attività del mondo reale;
– il raggiungimento dell’obiettivo è prioritario;
– la valutazione si riferisce al risultato finale.

 

Una proposta da sperimentare in classe

Proponiamo una sequenza di task per esercitare i bambini a parlare della propria routine quotidiana. L’attività può essere svolta in classe con tutti o in piccolo gruppo in momenti dedicati all’italiano L2.

Task 1: fare elenchi

Proponiamo alcune immagini relative ad azioni quotidiane. Possiamo usare le flashcard allegate. Annotiamo alla lavagna le parole che emergono, ad esempio svegliarsi, mangiare, fare i compiti, ecc. Osserviamo l’elenco: ci sono parole che hanno lo stesso significato? Ad esempio studiare-fare i compiti oppure andare a letto-dormire?

Task 2: abbinare parole a disegni

Organizziamo la classe in coppie e distribuiamo le immagini delle flashcard. Chiediamo ai bambini di abbinare le parole annotate alla lavagna alle immagini. Trascorsi 3 minuti, suggeriamo alle coppie di scambiarsi di posto con i compagni e completare il lavoro di un’altra coppia.

Task 3: classificare

Proponiamo tre parole: mattino, pomeriggio e sera. Chiediamo di organizzare le immagini collocando le azioni nel momento della giornata più adatto. Confrontiamo le proposte.

Task 4: condividere esperienze

Chiediamo ai bambini di pescare a turno un’immagine e produrre un breve racconto o una frase prendendo spunto dall’azione rappresentata.

Task 5: la mia giornata

Invitiamo i bambini a selezionare e ordinare le flashcard così da raccontare cosa fanno di solito durante la giornata. Aggiungiamo al set di carte due cartoncini vuoti, chiedendo di aggiungere azioni non rappresentate nelle carte. Successivamente, a coppie gli allievi si raccontano la loro giornata. Infine ognuno scrive un breve testo per narrare la giornata del compagno alla classe.

Focus linguistico: a partire dall’analisi delle produzioni dei bambini, organizziamo alcune attività di riflessione linguistica. Ad esempio sulla flessione dei verbi, sulle parole utili per esprimere la frequenza dell’azione o sui connettivi.

Task 6: esercitiamoci ancora

Organizziamo la classe in coppie o in piccoli gruppi. A turno i bambini dovranno raccontare ai compagni cosa fanno al mattino, dal risveglio all’arrivo a scuola. Insieme poi dovranno elencare almeno 5 azioni comuni e 5 azioni diverse.

 

Riflettiamo sulla sperimentazione

Come hanno lavorato i bambini? Cosa abbiamo potuto osservare rispetto all’uso della lingua? Quali strategie linguistiche sono state impiegate? 
 

  

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola