Dare forma alla piattaforma: le emozioni e l’ascolto insieme all’apprendimento

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [QE8ZV74R] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [X1ISXTP5] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [KEUBTFTP] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Dare forma alla piattaforma: le emozioni e l’ascolto insieme all’apprendimento

Come educare bambine e bambini alla leggerezza e alla gioia anche in questa situazione?  Di Marcella Dondoli

dad dondoli 2

Se restiamo imbrigliati in ciò che pensiamo di aver perso, la mente vacilla e non ci supporta nel trovare soluzioni per appropriarci e riconoscerci anche in qualcosa che fino a quel momento non avevamo preso in considerazione.

Se entriamo dove il cambiamento ci richiama, se lasciamo andare la paura di sentirci in sottrazione, noi ci lasciamo la possibilità di incamminarci insieme al cambiamento verso la costruzione di qualcosa che potrà anche meravigliarci. Lasciando al tempo e alle sorprese che porta con sé la possibilità di farci stare bene!

Scrive Federica, insegnante di scuola dell’infanzia.

Prima videochiamata con i miei bimbi di scuola. Cosa mi è mancato di più, oltre a volerli abbracciare? Ascoltarli. Io amo ascoltare cosa mi dicono i bimbi, per le parole un po’ storpiate a cui devi per forza porre attenzione, per l’entusiasmo con cui ti raccontano qualsiasi avventura, ogni discorso che inizia con “maestra, maestra!” perché hanno urgenza di coinvolgerti. (….).

Poi però il gioco che siamo riusciti a fare insieme, le loro mani unite alle mie appoggiate sullo schermo, le loro bocche spalancate proprio come facevo io, mi ha fatto sentire la loro presenza e quel “maestra, maestra” che è riuscito a farsi strada fra tutti gli ostacoli fonici, è la testimonianza che c’è tanta voglia di ritrovarci.


Aggiungo: la forma della piattaforma nasce proprio dalla voglia di stare insieme. Nonostante lo schermo, nonostante la distanza se c’è il desiderio di ri-trovarsi e siamo capaci di dargli vita, se c’è voglia di darsi appuntamento per ri-vederci, per raccontarci e fare tante cose insieme, ecco che la piattaforma diventa il contenitore di quelle emozioni da cui nasce il sorriso, in cui la parola è donata e ascoltata, dove lo sguardo che cerca quello degli altri anche per divertirsi a scoprire come ti vedono e cosa vedi di nuovo e di diverso.

“Anche dalle piattaforme spuntano i fior”

Incontrarsi fa sempre bene: anche quando accade attraverso una piattaforma web. Se in questo spazio non possiamo toccarci, se non possiamo sentire odori e profumi, possiamo sorriderci, farci l’occhiolino, contare fino a tre e battere le mani insieme, cantare, raccontare fiabe, dare la possibilità a ognuno di parlare, possiamo superare la solitudine e imparare ad apprezzare quello che abbiamo.

E questo non è forse un buon principio educativo? Noi educatori e insegnanti non abbiamo forse il dovere educare bambine e bambini alla leggerezza e alla gioia?
Sì, è una responsabilità che abbiamo ed è per questo che per primi dobbiamo saper cercare il bello, il positivo in quello che abbiamo per farne un’esperienza educativa che non rinuncia mai a se stessa.

Condividi

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola

  • avatar

    tken

    6:7, 12 Giugno 2020
    This is a great thing, I think everyone feels this information is very valuable, thank you 8 ball