Comunicare e studiare in italiano L2: da Pesaro una buona pratica

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [PHXCGR7S] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [BYH9VL78] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [T5T92C4E] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Comunicare e studiare in italiano L2: da Pesaro una buona pratica

Disponibili online i materiali didattici frutto di un progetto quadriennale a opera di Risas

bambina scrivere l2 ragazza

Arriva da Pesaro un progetto di sicuro interesse nell’ambito dello sviluppo delle buone pratiche relative all’apprendimento a scuola in italiano come L2. La “Rete Istituti Scolastici per Alunni Stranieri” (Risas) ha infatti sviluppato nell’arco di quattro anni una serie di elaborati frutto di un’esperienza legata al tema del “Comunicare e studiare in lingua straniera e valutare gli apprendimenti”, coinvolgendo cinque istituti comprensivi (con capofila il “Galileo Galilei”) ed enti come Comune di Pesaro, Università di Urbino, Cesde e Ambito Territoriale Sociale.

Il lavoro in rete ha permesso di condividere le varie esperienze e metodologie, formare il personale docente, definire gli strumenti e le modalità di valutazione dell’apprendimento stesso da parte di alunni non italiofoni chiamati a utilizzare l’italiano sia come lingua di comunicazione che di studio. Un percorso portato avanti dal 2008 al 2012 ma che, per metodologie e risultati, è da ritenersi a tutt’oggi attuale.

L’istituto comprensivo “Galilei” ha messo a disposizione sul proprio sito i materiali e gli strumenti elaborati e sperimentati in questi anni. Si tratta di un dossier molto articolato in cui, oltre alle premesse e le finalità progettuali, si forniscono indicazioni didattiche e metodologiche, esempi di prove d’ingresso, tracce di programmazione per l’italiano della comunicazione e per la lingua dello studio, oltre a unità didattiche per la scuola primaria e per la secondaria di primo grado.
Il documento completo può essere scaricato cliccando qui.

 

12 Ottobre 2018 News

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola