Storie di classe: dal racconto orale alla narrazione scritta

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [S36G92MM] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [HQFPAQG7] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [37RAZQCZ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Storie di classe: dal racconto orale alla narrazione scritta

Ai bambini piace raccontarsi e condividere le proprie avventure quotidiane. Queste storie possono dare il via ad attività di scrittura per la classe (o per il laboratorio di L2) da svolgere una volta ogni tanto o da trasformare in una piacevole abitudine che si ripete con regolarità nel tempo. Di Stefania Ferrari

bambine scuola classe interculturale

A scuola in genere le attività di scrittura vengono proposte come esercizi individuali: ai bambini si presenta una traccia e in silenzio ognuno svolge il proprio compito. Se necessario gli allievi possono uscire dal loro momentaneo isolamento, ma solo per chiedere informazioni o aiuto all’insegnante. Terminata l’attività, sempre in silenzio, a casa o a scuola, il docente corregge le produzioni e restituisce una valutazione privata e individuale a ciascun bambino. Il percorso che si va a tracciare di seguito si pone invece l’obiettivo di trasformare il silenzioso e individuale compito di scrittura in un’attività di classe, basata sull’interazione, sul dialogo collaborativo e sulla discussione, tutti fondamentali promotori dell’apprendimento. Lo stimolo iniziale è il racconto da parte di un compagno di un’esperienza personale, così che la storia di uno possa essere trasformata in un racconto di tutti. La scrittura è vissuta come compito comunicativo e strumento per elaborare un’esperienza vissuta o ascoltata. Se riproposta nel tempo, come una sorta di abitudine di classe o di gruppo, può aiutare a rafforzare l’ascolto reciproco, la comprensione e le strategie di scrittura, oltre che la qualità della produzione scritta.

La storia di… Dylain

L’insegnante chiede alla classe (o al gruppo di lavoro) se qualcuno ha voglia di condividere un pensiero o un’esperienza con i compagni, anche semplicemente riferendosi a quanto accaduto la mattina stessa dal risveglio all’arrivo a scuola. Dopo il primo racconto spontaneo i compagni possono fare domande per scoprire tutti i dettagli dell’esperienza condivisa da uno degli amici. Mentre i bambini chiedono e il compagno risponde, l’insegnante annota le domande o alcune parole chiave alla lavagna. Il dialogo, il confronto, il rilancio con nuove domande dei bambini, aiutano il narratore a esprimere meglio ciò che ha in mente, oltre che offrire agli ascoltatori materiale da riorganizzare in una nuova narrazione.

Scriviamo un testo in 15 minuti

Una volta che la classe è soddisfatta rispetto alle informazioni raccolte, l’insegnante invita i bambini a scrivere un testo che racconta la vicenda narrata oralmente dal compagno, anche facendo riferimento agli appunti annotati alla lavagna. La scrittura è individuale e a tempo. Se necessario gli allievi possono chiedere aiuto a un pari o al docente.

Condividiamo i nostri testi

Terminata la prima stesura dei testi, l’insegnante legge a voce alta le produzioni dei bambini, senza fare riferimento all’identità degli autori. La classe viene così invitata a scegliere il testo migliore rispetto a due parametri: chiarezza del contenuto e piacevolezza. A volte la votazione porta alla selezione di un solo testo, a volte di due.

Revisioniamo insieme

La classe a grande gruppo revisiona il testo (o i testi) selezionati. In una prima fase i bambini vengono invitati a evidenziare gli elementi positivi della produzione scelta, successivamente gli allievi concordano una revisione precisa e puntuale. In particolare sono invitati a concentrarsi sui seguenti elementi: comprensibilità; chiarezza e precisione delle informazioni; organizzazione; accuratezza grammaticale; accuratezza ortografica. L’insegnante stimola il contributo di tutti gli allievi, così che il lavoro collaborativo possa aiutare a superare le difficoltà di riscrittura del testo, oltre che rendere più funzionale, piacevole e gratificante questa importante fase del lavoro dello scrittore.

Diventare bravi scrittori

Dopo aver revisionato e riscritto collettivamente il testo i bambini provano a proporre alcuni “consigli per scrivere bene” da tenere a mente e utilizzare nei futuri compiti di scrittura.

I nostri racconti

Attraverso la ripetizione regolare nel tempo dell’attività è possibile raccogliere i racconti di classe e riproporli come materiali di lettura per il laboratorio di L2, o viceversa, quando l’attività è svolta in laboratorio, utilizzare i testi revisionati dal gruppo come stimolo per ulteriori attività in classe.

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola