Passaggio nido/scuola dell'infanzia: l'importanza del lavoro in continuità con le famiglie

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [ZRL5XSMT] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [7DLCDJ4N] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [9639INHZ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Passaggio nido/scuola dell'infanzia: l'importanza del lavoro in continuità con le famiglie

Intervista a Laura Donà sul "travaso" di esperienze tra lo 0-3 e il 3-6: gli aspetti che l'uno sta mutuando dall'altra, e viceversa, sulla linea tracciata dal decreto legislativo 65/2017. Di Daniele Dei

Laura Dona continuita

La continuità tra il nido d'infanzia e la scuola dell'infanzia: in occasione di “Now! A scuola si può”, l'evento di formazione innovativa a cura di Giunti Scuola e CampuStore che si è tenuto a Roma lo scorso 22 marzo, ne abbiamo parlato assieme a Laura Donà, esperta in materia e dirigente tecnico USR per il Veneto.

“Il decreto legislativo 65/2017 si occupa del segmento Zerosei proprio con l'obiettivo di creare forme di continuità, avendo lo 0-3 assegnato al Ministero del Welfare e il 3-6 a quello dell'Istruzione”, spiega Donà. “Le scuole dell'infanzia - prosegue - nel raccordo con i nidi stanno imparando molte cose, in particolare come curare l'accoglienza e la conoscenza personalizzata dei bambini e, ancora di più, di ciò che fanno. I nidi, di converso, stanno approcciando all'organizzazione per laboratori appartiene un po' di più alla progettualità innovativa delle scuole dell'infanzia e quindi ad arricchire le loro proposte educative”.

Quanto è importante il rapporto con le famiglie in questa fase?

“Nel passaggio è molto importante lavorare in continuità con le famiglie. - risponde l'esperta - Le famiglie nei nidi spesso sono invitate a condividere molto e a raccontare come i loro bambino è a casa in maniera molto diffusa e attenta. Questo è un aspetto che potrebbe essere di utile travaso nella scuola dell'infanzia per poter mettere a punto meglio l'attenzione alla cura e alle caratteristiche di ogni soggetto”. 

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

Daniele Dei: 8 Maggio 2019 Articoli

Condividi

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola