Il valore del gioco da 0 a 6 anni

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [ZVVBZYXQ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [4FA4D4E4] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [JAKYVRBU] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Che cosa significa "giocare" per i bambini e per i loro genitori, educatori e insegnanti? Da 0 a 3 anni e da 3 a 6 anni cambiano molte cose. Il punto di vista di Gianfranco Staccioli, segretario nazionale dei Cemea italiani. 

Condividi

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola