Concorso per docenti di scuola d'infanzia e primaria, il vademecum

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [GNHBZGWH] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [VGVHA4PW] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [H99LQWGA] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Concorso per docenti di scuola d'infanzia e primaria, il vademecum

Le domande vanno presentate entro il 12 dicembre 2018 in una sola Regione. I tratti salienti del Decreto Legge e del regolamento 

blog_concorso.jpeg

A conclusione di una lunga vicenda giurisdizionale, il Governo ha deciso di intervenire per salvaguardare in parte le aspettative di migliaia di docenti in possesso di un titolo di istituto magistrale conseguito entro l’anno scolastico 2001-2002, una parte dei quali erano già stati assunti con contratti a tempo indeterminato.

Il Consiglio di Stato, annullando decisioni del TAR di accoglimento delle istanze dei docenti diplomati, ha stabilito che non avessero titolo ad essere inseriti nelle graduatorie ad esaurimento (GAE) e quindi non potessero essere assunti per scorrimento di tali graduatorie.

Tale orientamento del Consiglio di Stato ha costretto l’amministrazione a disporre la risoluzione dei rapporti di lavoro nel frattempo accesi, attuando, però, attraverso una norma di legge (l’articolo 4 del decreto-legge 87/2018) una procedura di “parziale salvaguardia” delle posizioni giuridiche maturate, giustificandola con l’esigenza di assicurare l'ordinato avvio dell'anno scolastico 2018/2019, nel rispetto dell'interesse degli alunni.

Cosa prevede il decreto-legge:

  • La trasformazione dei contratti a tempo indeterminato nel frattempo stipulati in contratti a tempo determinato fino al 30 giugno 2019;
  • la trasformazione delle supplenze annuali in contratti a tempo determinato con termine finale non oltre il 30 giugno 2019;
  • l’indizione di un concorso straordinario, bandito in ciascuna regione, in deroga alle normali procedure autorizzatorie, al quale destinare il 50% dei posti sino a integrale scorrimento di ciascuna graduatoria regionale

Il regolamento per il concorso straordinario: chi può partecipare

Il regolamento che disciplina il concorso straordinario è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 26 ottobre 2018. Il concorso, come stabilito dal decreto-legge 87/2018, è riservato ai docenti in possesso, alla data prevista dal bando per la presentazione della domanda, di uno dei seguenti titoli:

a) abilitazione all'insegnamento conseguita presso i corsi di laurea in scienze della formazione primaria o analogo titolo conseguito all'estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente, purché i docenti in possesso dei predetti titoli abbiano svolto, nel corso degli ultimi otto anni scolastici, almeno due annualità di servizio specifico, anche non continuative, su posto comune o di sostegno, presso le istituzioni scolastiche statali;

b) diploma magistrale con valore di abilitazione o analogo titolo conseguito all'estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente, conseguiti, comunque, entro l'anno scolastico 2001/2002, purché i docenti in possesso dei predetti titoli abbiano svolto, nel corso degli ultimi otto anni scolastici, almeno due annualità di servizio specifico, anche non continuative, su posto comune o di sostegno, presso le istituzioni scolastiche statali.

Alla procedura concorsuale relativa ai posti di sostegno possono partecipare esclusivamente i docenti in possesso di uno dei titoli sopra citati, nonché dello specifico titolo di specializzazione sul sostegno conseguito ai sensi della normativa vigente o di analogo titolo di specializzazione conseguito all'estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente.

Presentazione delle domande

Il bando del concorso è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale, 4^ serie speciale, del 9 novembre. Gli interessati possono presentare domanda esclusivamente attraverso le procedure telematiche predisposte dal MIUR, a partire dalle ore 9.00 del 12 novembre 2018 fino alle ore 23.59 del 12 dicembre 2018.

Ciascun candidato potrà presentare l’istanza di partecipazione in un’unica Regione per tutte le procedure concorsuali per le quali ha titolo a partecipare.

E’ dovuto il pagamento di 10 euro per diritti di segreteria per ciascuna procedura per cui si concorre (infanzia/primaria/sostegno infanzia/sostegno primaria).

Il diario di svolgimento della prova orale con l'indicazione della sede di destinazione dei candidati distribuiti sarà comunicato dagli Uffici Scolastici Regionali responsabili della procedura concorsuale almeno venti giorni prima della data di svolgimento della prova a mezzo di posta elettronica all'indirizzo indicato nella domanda di partecipazione. Tale comunicazione ha valore di notifica a tutti gli effetti.

Clicca qui per leggere gli altri articoli di "A norma di legge"

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola