Il voto non è il bambino…

Valutare attraverso un numero è sempre problematico, soprattutto alla primaria. L'importanza di far capire il senso del progredire, dell’avvicinamento a mete possibili. Di Adriana Molin. 

di Adriana Molin · 11 maggio 2018
0

REGISTRATI ACCEDI

0
5 min read

Con maggio si chiude l’anno scolastico. Si potrebbe affermare che les jeux sont faits , in altre parole che le possibilità di cambiamento della situazione scolastica sono ormai, obbligatoriamente, da rimandare all’annualità successiva. Forse continuerà ancora qualche attività, ma è probabile sia tesa a monitorare l’apprendimento di quel gruppo di bambini o ragazzi che non sembrano ancora pronti per il passaggio alla classe successiva. E tut

Scopri io+, l'abbonamentoal nuovo ambiente digitale giuntiscuola.it