Contenuto riservato agli abbonati io+

“Esprimere” o “agire” la propria irritazione in classe?

Come affrontare le provocazioni degli allievi trovando risposte funzionali allo scambio relazionale con loro? Proviamo a rispondere attraverso il racconto dell’esperienza di un’insegnante.

di Luisa Lauretta10 ottobre 20174 minuti di lettura
 “Esprimere” o “agire” la propria irritazione in classe? | Giunti Scuola

Tempo fa un allievo di quarta primaria, che sin dalla classe prima metteva in atto comportamenti provocatori in aula, ha preso di mira la maestra di turno: poco prima del suono della campanella le ha fatto notare, urlando, una grossa macchia di unto nei pantaloni. L’insegnante, che di solito riesce a contenere la propria irritazione nei confronti del bambino, questa volta, forse perché punta sul vivo o spazientita da altro, ha perso il controllo, lo ha guardato scuotendo la testa con disa