Comunicare e studiare in italiano L2: da Pesaro una buona pratica

Disponibili online i materiali didattici frutto di un progetto quadriennale a opera di Risas

di Redazione GiuntiScuola · 12 ottobre 2018
0 0

Mi piace

REGISTRATI ACCEDI

0
1 min read

Arriva da Pesaro un progetto di sicuro interesse nell’ambito dello sviluppo delle buone pratiche relative all’apprendimento a scuola in italiano come L2. La “ Rete Istituti Scolastici per Alunni Stranieri ” ( Risas ) ha infatti sviluppato nell’arco di quattro anni una serie di elaborati frutto di un’esperienza legata al tema del “Comunicare e studiare in lingua straniera e valutare gli apprendimenti”, coinvolgendo cinque istituti comprensivi (con capofila il “ Galileo Galilei ”) ed enti come Comune di Pesaro, Università di Urbino, Cesde e Ambito Territoriale Sociale.

Il lavoro in rete ha permesso di condividere le varie esperienze e metodologie , formare il personale docente, definire gli strumenti e le modalità di valutazione dell’apprendimento stesso da parte di alunni non italiofoni chiamati a utilizzare l’italiano sia come lingua di comunicazione che di studio. Un percorso portato avanti dal 2008 al 2012 ma che, per metodologie e risultati, è da ritenersi a tutt’oggi attuale.

L’istituto comprensivo “Galilei” ha messo a disposizione sul proprio sito i materiali e gli strumenti elaborati e sperimentati in questi anni. Si tratta di un dossier molto articolato in cui, oltre alle premesse e le finalità progettuali, si forniscono indicazioni didattiche e metodologiche, esempi di prove d’ingresso, tracce di programmazione per l’italiano della comunicazione e per la lingua dello studio, oltre a unità didattiche per la scuola primaria e per la secondaria di primo grado.
Il documento completo può essere scaricato cliccando qui .