Il Nobel a Olga Tokarczuk e Peter Handke

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [R78FFT1U] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [UNRFSLZG] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [8KM92M1D] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

L’infanzia e l’anima nei loro scritti. Il senso del viaggio nell’ultimo romanzo della Tokarczuk

premio nobel 2018 2019

Per l'edizione 2019 il Premio Nobel per la letteratura è andato a Peter Handke, mentre per l'edizione 2018, quella “sospesa”, è stato assegnato a Olga Tokarczuk.

Olga Tokarczuk ha scritto un libro per bambini dal titolo L’anima smarrita, stupendamente illustrato da Janna Concejo, edito in Italia da Topipittori nel 2018. È la storia di un uomo che andava sempre di fretta e che ha perso la sua anima.

“Se qualcuno fosse in grado di guardarci dall’alto, vedrebbe che il mondo è pieno di persone che corrono in fretta e furia, sudate e stanche morte, nonché delle loro anima in ritardo, smarrite, che non riescono a stare dietro ai loro proprietari…”

 

I vagabondi, uscito nel 2019, edito da Bompiani è il romanzo che ha consacrato il nuovo Nobel per la letteratura. È un libro insolito e affascinante, che trasforma la nozione di romanzo tradizionale, una costellazione di storie e personaggi che ruotano attorno al senso del viaggio.
 

Anche Peter Handke ha scritto sull’infanzia. Ricordiamo la sua poesia Elogio dell’infanzia: su questi versi comincia Il cielo sopra Berlino il film capolavoro di Wim Wenders.

Quando il bambino era bambino,
non sapeva di essere bambino,
per lui tutto aveva un’anima
e tutte le anime erano un tutt’uno…

Per leggere la poesia integralmente clicca qui 

 

14 Ottobre 2019 News

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola