“Siamo i bambini di questa città”, una canzone che parla di integrazione

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [P1GVJMDG] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [XTMKYCS3] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [W1D1A9DT] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

“Siamo i bambini di questa città”, una canzone che parla di integrazione

Protagonisti i bambini della scuola dell'infanzia e della primaria del quartiere Cogne di Aosta: la registrazione conclude un percorso didattico fatto di incontri sul tema dell'identità

siamo-i-bambini-di-questa-citta-562x420[1]

Una canzone per integrare tutti gli alunni, indipendentemente da storie e provenienze. È questa l’idea che è stata concretizzata dai bambini della prima e seconda classe della primaria “Lexert”, assieme agli alunni dell’ultimo anno della scuola dell’Infanzia del Quartiere Cogne ad Aosta, i quali hanno scritto il testo e la musica di “Siamo i bambini di questa città”.

I ragazzi hanno collaborato assieme ad Alberto Ventrella e Gian Luca Rossi nell’ambito del progetto FAMI Inter-agire concluso a dicembre 2018. A garantire la registrazione professionale della canzone è stato il supporto delle voci bambini della terza primaria della scuola del quartiere Cogne. Il lavoro, infine, è stato caratterizzato anche da attività didattiche in classe sui temi dell’identità, del ruolo della scuola e della riflessione sul futuro di ognuno e dell’umanità intera.

La canzone può essere ascoltata cliccando qui. Oltre a testo, musica e arrangiamento a cura di Alberto Ventrella (che suona basso, chitarre e synth), segnaliamo il coro a cura del Canto Leggero sezione voci bianche – SFOM Aosta, la batteria di Simone Pellicanò, la registrazione e il mastering dell’associazione culturale Arte In Testa con la collaborazione del tecnico del suono Giovanni Zap Delfino.

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

14 Maggio 2019 News

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola