Conoscersi... per stare bene insieme

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [BIK2NCM5] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [6ZR6BE1L] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [R9N48QFR] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Antonio Di Pietro intervista Silvia Anichini, coordinatrice pedagogica del Comune di Prato e referente del progetto e della mostra “Conoscersi... per stare bene insieme”, che ha coinvolto bambini, famiglie, insegnanti per dipanare un filo di racconti tra cose di casa e cose di scuola.

L'accesso alle risorse di questa sezione è riservato ai seguenti profili

Entra Non sei ancora registrato? Fallo ora!
DSC_0006

Dal 15 al 19 giugno si è svolta a Prato la mostra-evento del progetto “Conoscersi... per stare bene insieme”. Quali sono le caratteristiche di questo progetto?

“Conoscersi... per stare bene insieme” si svolge principalmente nelle scuole dell'infanzia (comunali, statali e paritarie) in tre aree di Prato dove massiccia è la presenza di famiglie con esperienza migratoria. Il coordinamento pedagogico del Comune di Prato ha costituto un'équipe di pedagogisti, psicologi, atelieristi e mediatrici linguistiche per sostenere il lavoro nelle scuole intorno a tematiche come l'inclusione, l'accoglienza del plurilinguismo e lo sviluppo delle competenze linguistiche. Tematiche che ci permettono di sperimentare strategie per rendere la scuola sempre più un luogo capace di offrire pari opportunità di socializzazione e di apprendimento. Il progetto è caratterizzato da incontri di formazione e di co-programmazione per insegnanti, di formazione in situazione durante le attività con i bambini, da incontri con i genitori e di attività per genitori e figli.

“Conoscersi... per stare bene insieme” è un progetto che ha già una storia: giunge infatti quest'anno alla sua quinta edizione. Com'è nato e come si è sviluppato?

Il progetto è stato inizialmente promosso per rispondere alla richiesta di avere un supporto qualificato in quelle scuole dove sempre più numerosa si andava affermando la frequenza di bambini non italofoni o con genitori stranieri. Nel tempo, il supporto a situazioni multiculturali e plurilingue è diventato anche un'occasione per rinnovare un certo modo di concepire il “fare scuola”, per mettere in pratica “nuovi modelli educativi”, per esercitare il “diritto di cittadinanza” a partire dai bambini e dalle bambine, coinvolgendo i genitori. Tutto ciò attraverso percorsi che si dipanano intorno al gioco, all'arte e all'autobiografia.

Quest'anno su cosa è stata focalizzata maggiormente l'attenzione?

Quest'anno, avvalendoci anche della consulenza di Graziella Favaro, abbiamo continuato ad approfondire la dimensione del plurilinguismo e delle competenze linguistiche fra casa e scuola facendo transitare dall’uno all’altro ambiente le esperienze. Le scuole hanno lavorato suddivise in tre reti tematiche: racconto autobiografico, racconto espressivo e racconto ludico, secondo la prevalenza del linguaggio con cui sono state proposte le attività. Le insegnanti con l’équipe tecnica hanno sviluppato osservazioni, riflessioni e pratiche inerenti lo sviluppo linguistico dei bambini che hanno riguardato le dimensioni delle parole e del lessico, delle storie e della narrazione, della storia personale e del plurilinguismo. Alla base del progetto “Conoscersi... per stare bene insieme” c'è l'intenzione di creare ed offrire spazi di partecipazione per condividere alcune sfide educative del nostro tempo.

Per saperne di più

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola