Prime classi, primi giorni, parole in gioco

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [HMMF5WJ6] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [965SUGYW] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [1QGJHAUH] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Da "La Vita Scolastica", 2, 2015, un'attività per fare accoglienza giocando nella prima classe della primaria. Scopri altre attività per l'italiano L2 e per tutte le altre classi della primaria nella sezione "Didattica" della rivista.

La vera storia dei pop corn - Finale
  • Disponiamo gli alunni in piedi, in cerchio. Se non conosciamo ancora i loro nomi scriviamoli su dei cartoncini colorati e fissiamo i cartoncini sulle magliette dei bambini. Al centro del cerchio tracciamo, sul pavimento (con il gesso o con del nastro colorato), una circonferenza abbastabza grande.
  • Chiamiamo i bambini per nome, uno alla volta, invitiamoli a entrare nella circonferenza e poi diamo loro comandi simili ai seguenti: "Martina, salta!"; "Niccolò siediti!"; "Stella, alzati!"; "Mattia, batti le mani!".
  • Invitiamo prima alcuni bambini italiani e solo in un secondo momento i bambini stranieri. Facilitiamo il compito di questi ultimi invitandoli a compiere movimenti già compiuti dai compagni.
  • Quanto tutti gli alunni avranno partecipato al gioco, chiediamo che siano loro stessi a chiamare i compagni per nome e a dare i comandi.

Il gioco può continuare anche nei giorni successivi, con le varianti che seguono:

  • i bambini possono essere chiamati a gruppi di due o di tre;
  • i comandi possono essere via via sempre più complessi;
  • i comandi possono riferirsi a campi lessicali che intendiamo approfondire (le parole del corpo; le parole della scuola; le parole dell'abbigliamento).

Leggi la scheda completa, trova altri materiali per la didattica inclusiva nelle prime classi e in quelle successive nella sezione "Didattica" de "La Vita Scolastica"

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola