Per un nuovo anno illuminato

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [QD7EIUDL] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [99I1AAYG] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [RS9D8P29] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Dedico questi pensieri a tutti coloro che operano nella scuola, a contatto con i bambini e le loro famiglie. E ai bambini che sono cuore del nostro agire educativo. Buon 2020! Di Maurizia Butturini

scuola infanzia gruppo bambini

La sfida di educare

Educare e accompagnare i bambini nella crescita di tutte le dimensioni della persona, aiutarli a “farsi” secondo le personali intelligenze e inclinazioni mettendo a frutto le proprie potenzialità, qualsiasi esse siano, è un compito difficile, impegnativo, complesso. Chiede a noi tutti grande competenza, attenzione, sensibilità, lungimirante capacità di vedere oltre; a volte sembra di non farcela. Ma è anche il mestiere più bello, delicato, sfidante e creativo che vi sia; pretende tanta passione educativa e il desiderio autentico di accettare la sfida che ci è posta.

Quale sguardo ci aiuta

Per questo conta lo sguardo profondo, con cui ci apprestiamo al nostro compito. Possiamo vedere ciò che manca alla scuola e al nostro lavoro, gli impedimenti, gli ostacoli, le difficoltà che nel quotidiano ci assillano ed è certo importante riconoscere quanto non funziona e disturba. Possiamo, d’altro canto, accogliere le parti buone di ciascuno, comprendere i bisogni, sentire con empatia quella grande richiesta di autorealizzazione che tutti i bambini ci pongono, l’aspirazione ad essere ascoltati, capiti, stimati, voluti bene per sentirsi a propria volta degni e capaci di amore e di fiducia.

L’augurio a tutti

Auguro dunque a tutti noi, insegnanti e genitori, di illuminare la vita dei bambini con la nostra presenza amorevole e comprensiva, nel mettersi a fianco, nell’ascoltare, nel donare strade di crescita culturale e umana da percorrere assieme.
Auguro ai bambini di vivere gioiosamente la propria infanzia e di incontrare adulti nei quali rispecchiarsi per imparare ad essere persone che sanno vivere con gli altri, pensare in modo libero, inventare nuovi modi di stare e rispettare il mondo.
Aprire per sempre mente e cuore alla bellezza della vita, questo forse è il nostro compito più alto.

"…la misura esatta è l’infinito.
E il tintinnio delle cose.
Qui."

C.L.Candiani
 

Condividi

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola