"Libri per nutrire il nostro essere insegnanti": "Sulle tracce di un cappello"

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [CMEQ6NTM] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [TVT4BVME] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [37U45NVI] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

"Libri per nutrire il nostro essere insegnanti": "Sulle tracce di un cappello"

Con questo testo di Giampaolo Mazzara possiamo imparare tanti giochi e, soprattutto, un modo diverso di coinvolgere i bambini tenendo assieme corpo, mente ed emozioni

giampaolo mazzara sulle tracce di un cappello

Proseguiamo la categoria dei “Libri per nutrire il nostro essere insegnanti”, con il testo di Giampaolo Mazzara "Sulle tracce di un cappello. La drammatizzazione nella Scuola dell'infanzia" (Magi Edizioni, 2017).

Perché leggerlo (di Maurizia Butturini, direttrice di “Scuola dell’Infanzia”)

È un libro che valorizza l’apprendimento attraverso l'azione, quel learning by doing teorizzato da Fichte a Dewey, da Moreno a Munari. Possiamo imparare tanti giochi ma soprattutto un modo diverso di coinvolgere i bambini tenendo assieme corpo, mente, emozioni.

Sintesi

Giochi di ruolo e tecniche di rilassamento, giochi mimici e di travestimento che accompagnano processi di invenzione di piccole storie, di drammatizzazione di immagini e di situazioni, si concludono in questo libro con la narrazione, particolarmente documentata, di un laboratorio teatrale realizzato dai bambini di una Scuola dell'Infanzia.

La cura, il dettaglio nel presentare le attività e l'attenzione al processo attraverso il quale si sviluppano, qualificano questo testo come un vero e proprio manuale di giochi. La dimensione immaginale, centrale nella relazione con il bambino, è uno degli assunti di base sottesi a tutto il lavoro con il piccolo protagonista, a partire dalle sue competenze, da ciò che egli è e non da quello che si vorrebbe che fosse.

L'adulto, libero da fini narcisistici e da riferimenti teorici rigidamente strutturati, si pone come colui che facilita, che accompagna, che di volta in volta offre vari stimoli e, nel rispetto del tempo interno del bambino, valorizza ciò che il bambino fa proprio e porta avanti di sua iniziativa. I contenuti qui proposti, contrappuntati con sensibilità dai disegni originali di Chiara Fatti, vanno dal gioco spontaneo alle esperienze di «teatro» dei bambini. Attraverso spazio, corpo, colore, suono e rumore e dall'azione con burattini, pupazzi, maschere e l'uso creativo di oggetti «speciali» di uso quotidiano, si creano le condizioni affinché il piano cognitivo e quello emozionale possano emergere e manifestarsi in contemporanea, favorendo lo sviluppo armonico della personalità. 

"Libri per nutrire il nostro essere insegnanti"

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

15 Luglio 2019 In libreria

Condividi

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola