Dalla parte dell’arte. Un breve percorso sull’esperienza dell’osservare, pensare e produrre immagini nella scuola dell’infanzia

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [WYEHGQNK] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [34HGM1RM] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [BFRQRJY1] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Dalla parte dell’arte. Un breve percorso sull’esperienza dell’osservare, pensare e produrre immagini nella scuola dell’infanzia

Elena Baboni, illustratrice, ha partecipato al Convegno "La Scuola che guarda il futuro" con un intervento su arte, libri e bambini, mettendo al centro della sua riflessione il concetto di stupore e la pratica del laboratorio.

Elena Baboni. "C'è chi non ha paura". Fonte immagine: elena-baboni.blogspot.it/

Sull’importanza e sul senso del parlare di arte e fare arte con bambini molto piccoli, soprattutto se della scuola dell’infanzia, è cosa su cui mi sono interrogata in anni passati. Durante gli studi di restauro di dipinti, ho spesso incrociato in musei e mostre classi di bambini di varie età, anche della scuola dell’infanzia; mentre cercavo risposte, chiavi di lettura, significati di fronte alle opere d’arte più diverse, mi domandavo cosa dei bambini così piccoli avrebbero potuto cogliere, essendo ovviamente privi di informazioni sulle tecniche artigianali, conoscenza e analisi dei contesti storici e culturali.

Solo alcuni anni dopo, avendo quasi casualmente intrapreso il lavoro di illustratrice per infanzia e, da qui, di “addetta” a laboratori espressivi in diverse scuole, ho cominciato a darmi delle risposte. La prima sta sicuramente nella parola stupore. Lo stupore è un sentimento di tutti, non ha limiti di età, e l’arte ha la capacità innata e universale di avvolgere l’adulto, come il bambino, in quel sospeso stato di grazia che personalmente ho sempre e solo saputo descrivere con la parola stupore, ecco perché sono convinta che l’arte sia per tutti e di tutti.

L’arte è anche un luogo in cui imparare a ragionare attorno alle immagini, capirle, smontarle e ricostruirle, mettendosi in gioco e provando a rappresentare a propria volta. Questo luogo diventa ideale quindi per una pratica attraverso una didattica per laboratori.

Leggi per intero l'abstract dell'intervento

Condividi

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola