"Ho vinto"! Manteniamo l'originale desiderio di farcela

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [UWNWRRNT] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [T3ZTX94F] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [C56SJMLM] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Spesso viene fatto passare il messaggio di dover arrivare per forza primi. Ecco alcuni giochi che invece ristabiliscono il significato che era stato dato inizialmente dal bambino stesso. Di Gianfranco Staccioli

bambine giocano a palla

Un gruppetto di bambini di tre anni si è posizionato vicino ad un albero. Devono fare una corsa fino all’albero successivo. L’insegnante grida: Via! Tutti i bambini partono di corsa per raggiungere l’altro albero. Finito il gioco l’adulto li guarda: i bambini sono soddisfatti e sorridenti. Chiede: “Chi ha vinto?”. Tutti i bambini alzano la mano.

Vincere è per un bambino arrivare là dove doveva arrivare. Poco importa se è arrivato prima o dopo di un altro. Vincere non significa arrivare primi, ma arrivare. Ognuno di quei bambini ha corso per se stesso, per vedere se sarebbe stato capace di raggiungere la meta prefissata. Gli altri compagni c’erano, ma la sfida era soprattutto con se stessi. Solo quando la pressione culturale (dei genitori, del contesto) penetra nei bambini, solo allora l’esclamazione “Ho vinto” si trasforma in “Sono arrivato primo”. Il cambiamento è forte perché significa che gli adulti, anziché dare il messaggio “ce la puoi fare”, trasmettono ed esplicitano la regola “Devi essere più bravo degli altri”.

Aiutare i bambini a mantenere il loro iniziale desiderio di farcela non è facile. Bisognerebbe che a scuola diventassero consueti quei giochi come Palla e nome, Conta settimanale, La città …, che sono giochi nei quali ogni giocatore si misura soprattutto con se stesso e si confronta con gli altri senza la necessità di primeggiare.

Palla e nome

Ci si mette in cerchio e un giocatore ha una palla in mano. La palla viene lanciata da un giocatore ad un altro.

Difficoltà 1: Quando il giocatore lancia ad un compagno dice il proprio nome. La difficoltà consiste solo nel lanciar bene la palla o nel saperla riprendere.

Difficoltà 2: Come prima, ma la palla non può essere lanciata una seconda volta a chi l’ha già ricevuta.

Difficoltà 3: Quando si lancia la palla si dice il proprio nome e quello della persona a cui si intende lanciare la palla. Si procede come nella difficoltà 2: non si passa la palla a chi l’ha già ricevuta.

Difficoltà 4: Si lancia la palla dicendo a chi la si invia. Quando tutti hanno avuto la palla, l’ultimo che la riceve, la rilancia a chi gliel’aveva lanciata. E questi fa lo stesso, e così via fino a far tomare la palla al primo giocatore.

Difficoltà 5: Le palle sono due e si ricomincia della difficoltà 1.

Conta settimanale

I giocatori stabiliscono quale sarà il percorso da compiere correndo (ad. Es. arrivare ad un albero, girare intorno e tornare). Mentre lui corre gli altri scandiscono il tempo, contando. All’arrivo viene registrato il numero che corrisponde a quello del suo arrivo. Ad uno ad uno, tutti gli altri fanno lo stesso, mentre i compagni contano. Il gioco della corsa e della conta viene ripetuto ogni settimana. Ciascuno ha modo di controllare il numero del suo record personale e le variazioni che possono essere avvenute in quel periodo.

La città

Ogni bambino (o gruppetto di bambini) ha a disposizione dei materiali (mattoncini di legno, piccoli listelli, cubi…), Si concorda il tema del gioco. Per esempio, costruire una città. A questo punto, prima di iniziare, ognuno dice quale elemento costruirà (chiesa, distributore di benzina, casa…) e si sistema in uno spazio entro il quale costruirà il suo edificio. Dopo un tempo concordato, tutti si fermano e guardano la città, con le sue case, i monumenti… Ognuno ha realizzato quello che è riuscito a fare: in sostanza ha vinto. E con lui tutti gli altri.

Incontri ludici

Torna Tocatì, il festival internaizonale dei giochi di strada: dal 12 al 15 settembre 2019 a Verona. Per informazioni e programma: https://tocati.it/

 

 

 

 

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

Condividi

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola

  • avatar

    janne

    8:1, 13 Novembre 2019
    Helping kids keep up their underlying want to succeed isn't simple. It would be fundamental for games like Ball & Name.<a href="https://www.adwebstudio.com/web-design-development-company-muscat-oman">Web Design Company in Oman</a> as like we helping to our user to making their desired websites.
  • avatar

    janne

    8:1, 13 Novembre 2019
    Helping kids keep up their underlying want to succeed isn't simple. It would be fundamental for games like Ball & Name.<a href="https://www.adwebstudio.com/web-design-development-company-muscat-oman">Web Design Company in Oman</a> as like we helping to our user to making their desired websites.
  • avatar

    janne

    8:1, 13 Novembre 2019
    Helping kids keep up their underlying want to succeed isn't simple. It would be fundamental for games like Ball & Name.<a href="https://www.adwebstudio.com/web-design-development-company-muscat-oman">Web Design Company in Oman</a> as like we helping to our user to making their desired websites.
  • avatar

    janne

    8:1, 13 Novembre 2019
    Helping kids keep up their underlying want to succeed isn't simple. It would be fundamental for games like Ball & Name.<a href="https://www.adwebstudio.com/web-design-development-company-muscat-oman">Web Design Company in Oman</a> as like we helping to our user to making their desired websites.
  • avatar

    janne

    8:1, 13 Novembre 2019
    Helping kids keep up their underlying want to succeed isn't simple. It would be fundamental for games like Ball & Name.<a href="https://www.adwebstudio.com/web-design-development-company-muscat-oman">Web Design Company in Oman</a> as like we helping to our user to making their desired websites.
  • avatar

    janne

    8:1, 13 Novembre 2019
    Helping kids keep up their underlying want to succeed isn't simple. It would be fundamental for games like Ball & Name.<a href="https://www.adwebstudio.com/web-design-development-company-muscat-oman">Web Design Company in Oman</a> as like we helping to our user to making their desired websites.
  • avatar

    janne

    8:1, 13 Novembre 2019
    Helping kids keep up their underlying want to succeed isn't simple. It would be fundamental for games like Ball & Name.<a href="https://www.adwebstudio.com/web-design-development-company-muscat-oman">Web Design Company in Oman</a> as like we helping to our user to making their desired websites.
  • avatar

    janne

    8:1, 13 Novembre 2019
    Helping kids keep up their underlying want to succeed isn't simple. It would be fundamental for games like Ball & Name.<a href="https://www.adwebstudio.com/web-design-development-company-muscat-oman">Web Design Company in Oman</a> as like we helping to our user to making their desired websites.
  • avatar

    janne

    8:1, 13 Novembre 2019
    Helping kids keep up their underlying want to succeed isn't simple. It would be fundamental for games like Ball & Name.<a href="https://www.adwebstudio.com/web-design-development-company-muscat-oman">Web Design Company in Oman</a> as like we helping to our user to making their desired websites.
  • avatar

    janne

    8:1, 13 Novembre 2019
    Helping kids keep up their underlying want to succeed isn't simple. It would be fundamental for games like Ball & Name.<a href="https://www.adwebstudio.com/web-design-development-company-muscat-oman">Web Design Company in Oman</a> as like we helping to our user to making their desired websites.