Tecniche di gestione dell’apprendimento cooperativo: un laboratorio per insegnanti in tre video

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [V2IC86HD] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [5H8QQLUQ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [VW3R42AQ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Tecniche di gestione dell’apprendimento cooperativo: un laboratorio per insegnanti in tre video

Come condurre l’apprendimento cooperativo? Che cosa deve fare l’insegnante perché funzioni? Quali strategie operative possono essere utilizzate? A queste e altre domande risponde il Dott. Thomas Rivetti in tre videolezioni: pubblichiamo qui la prima parte. 
Schermata 2017-11-20 alle 10.30.59

Il Dott. Rivetti

Sta cambiando il mondo dei bambini e dell’età evolutiva, di conseguenza cambia anche l’insegnamento, adattandosi alla nuova realtà attuale: l’apprendimento cooperativo rappresenta uno di questi cambiamenti.

Nell'apprendimento cooperativo l'insegnamento non è più frontale: si passa a una mediazione orizzontale che vede come obiettivo a lungo termine la possibilità che la classe si autogestisca, mentre l'insegnante fa da supervisore. Ciò consente di ridurre il gap tra chi apprende più velocemente e chi ha più difficoltà, poiché ai bambini e alle bambine sono offerti gli strumenti per aiutarsi a vicenda.

L’apprendimento cooperativo non è un semplice lavoro di gruppo e per questo richiede una preparazione specifica: il Dott. Rivetti, in questo laboratorio, spiega precisamente in che modo impostarlo e condurlo, indicando nel dettaglio le strategie più utili. 

 

Per saperne di più...

Scopri la proposta formativa di Giunti Scuola sull'Apprendimento Cooperativo

Leggi il numero monografico di Psicologia e scuola sull'Apprendimento cooperativo

20 Novembre 2017 Apprendimento, Relazioni, Strumenti

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola