Insegnare è insegnare a vivere

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [HJF81EUI] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [G95YXJF4] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [ZYCKLT2T] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
Che cosa può fare la psicologia per supportare una scuola che non si limita a riempire le menti di contenuti e a “normalizzare” i diversi? Di Santo Di Nuovo 
cover ps 3

 

 

Siamo all’inizio del nuovo anno, e i problemi che la scuola si trova a fronteggiare sono sempre gli stessi: organici dei docenti, formazione e aggiornamento, supporto all’insegnamento “speciale”, modi di intervenire con gli alunni lenti, o iperattivi, borderline, con autismo.
E ci sono anche i problemi di cui sono portatori gli altri studenti “atipici”: stranieri, adottati, bulli, aggressivi, instabili, ansiosi, e quanti altri fanno sì che in alcune classi e in certi contesti le atipicità siano più numerose degli alunni senza problemi.

Ci chiediamo che cosa può fare la psicologia per supportare una scuola che “insegna a vivere” e non si limita a riempire le menti di contenuti, e a “normalizzare” i diversi; una scuola che mira a promuovere cultura in tutte le componenti della società, anche le più disagiate e difficili.
La presenza dello psicologo è essenziale, a condizione che sappia proporsi come supporto e che abbia competenze specialistiche in diversi ambiti: riabilitazione dei disabili, promozione di abilità carenti nei BES; ma anche promozione di benessere individuale e organizzativo, intervenendo nelle dinamiche del gruppo classe e dell’istituto, e nel lavoro di rete con le altre agenzie sociali che hanno funzione educativa, anzitutto le famiglie.


In questo numero di Psicologia e Scuola il lavoro psicologico nella scuola è concretamente esemplificato: si parla di valutazione, di strumenti, di comprensione del linguaggio orale e del disturbo non verbale; ma anche di motivazione e di benessere e di come promuoverlo mediante lo sviluppo di relazioni positive.

Tra le esperienze, l’uso del teatro in ottica psicoeducativa. Inoltre casi concreti e un’intervista alla professoressa Ottavia Albanese che riceverà il premio alla carriera nella prossima edizione del convegno biennale di Psicologia e scuola (Milano, 8-9 febbraio 2019), dove ci auguriamo di incontrare numerosi i nostri lettori.

 

Editoriale di Psicologia e Scuola n. 3 gennaio-febbraio 2019.

Sfoglia la rivista a questo link.

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola