Giugno, il mese dei bilanci e delle emozioni

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [X5WLHCX5] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [B89SCRZY] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [V1EPKP68] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => it
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Giugno, il mese dei bilanci e delle emozioni

Se guardiamo questo momento da un punto di vista 0-6, non siamo di fronte al punto di arrivo, ma a un passaggio verso un nuovo percorso di crescita che sarà arricchito da inedite e diverse esperienze. Di Lia Michelotti, pedagogista

Generalmente giugno è il mese dei bilanci: l’occasione in cui ci fermiamo, ci voltiamo e guardiamo al passato con occhio critico, osserviamo chi siamo diventati e proiettiamo lo sguardo verso il futuro…

È il momento in cui torniamo indietro con la memoria, a quando abbiamo incontrato le famiglie e giorno, dopo giorno, abbiamo approfondito la nostra conoscenza condividendo parte della vita quotidiana dei bambini e delle bambine, confrontando le nostre storie e percorrendo un tratto di strada fianco a fianco lasciando, inevitabilmente, un segno, più o meno evidente, in ognuno.

Il termine di un percorso è, generalmente, caratterizzato da una serie di forti emozioni, a volte contrastanti tra loro: la nostalgia verso ciò da cui ci separiamo; l’incertezza e la “paura” per ciò che incontreremo e che non conosciamo; la curiosità e l’eccitazione verso il “nuovo”. 

In ottica Zerosei

 

Tuttavia se guardiamo a questo momento da un’altra prospettiva, ovvero quella di un percorso 0-6, ciò che “celebriamo” al termine del percorso non rappresenta, appunto la una “fine”, ma un “passaggio”: ci accingiamo ad attraversare un ponte che collega e mette in comunicazione due sponde e che permette di proseguire il proprio percorso di crescita arricchendolo con nuove e diverse esperienze.

Il tempo è l’elemento imprescindibile che ha fatto da cornice a questa esperienza condivisa. Un tempo che parla di ascolto, accoglienza, confronto e cura; un tempo che ha permesso di costruire insieme relazioni di fiducia, rispetto, stima e affetto. Assistere e contribuire in qualche modo alla crescita e alle conquiste dei bambini e delle bambine ci ha rende complici ed alleati nel sostenere il loro percorso evolutivo. I bambini e le bambine, rappresentano oggi il nostro domani, per cui risulta di primaria importanza, in un’ottica allargata, averne attenta cura e garantire loro l’esercizio dei propri diritti tra i quali sottolineiamo quello all’apprendimento lungo tutto l’arco della vita.

Un incontro tra storie e tradizioni

 

Il nido è uno straordinario crocevia di storie, memorie, consuetudini, tradizioni, credenze, culture che entrando in dialogo tra loro ne generano di nuove.

L’io prende consistenza nell’incontro con l’altro e, attraverso il confronto e la condivisione di storie ed esperienze, costruiamo in noi.

Il clima di familiarità che si respira favorisce la collaborazione e sentirsi a proprio agio permette di aprirsi all’altro, fargli spazio, concedendosi la reciproca opportunità di accedere ad una prospettiva altra che può diventare terreno fertile di crescita.
L’idea di aver lasciato almeno un “semino” in termini di opportunità e di punti di vista altri ai bambini e alle bambine che proseguiranno il loro percorso alla scuola dell’infanzia è il nostro modo di augurare a tutti loro buon viaggio… 

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

Lia Michelotti: 30 Maggio 2019

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola