Piccolo pensiero sulla gentilezza

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [14BINT9L] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [KK7Q5IK9] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [ALGSTNZK] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => it
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3
La gentilezza è espansiva e contagiosa, in particolare per i bambini. Proviamo a usare gesti e  parole che sappiano esprimere rispetto. Di Anna Lia Galardini. 

La gentilezza richiede gesti e parole che fanno posto all’altro accanto a noi, parole che sorridono, gesti che parlano.

Questo significa rivolgersi ai bambini con modi pacati che sappiano esprimere rispetto, significa scegliere con attenzione le parole da usare per fare richieste e dare consegne.

La gentilezza è espansiva e contagiosa, in particolare per i bambini.  

Buona Giornata della Gentilezza a tutte e a tutti!

Leggi anche: 

Giornata mondiale della gentilezza, un gioco per il nido

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola