Niente nido se... I consigli della pediatra

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [F8GRIFYS] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [K3FYI37G] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [LU8B94AE] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => it
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3
“Dottoressa, mi hanno chiamato dal nido..”: in quali casi i piccoli devono essere allontanati, quando stanno meglio a casa? Di Patrizia Beacci, pediatra

I servizi dell’infanzia sono opportunità educative a cui ogni bambino dovrebbe avere
diritto. Esistono però specifici regolamenti locali che normano l’allontanamento dalla
comunità. Vediamo quando un bambino dovrebbe essere allontanato e quando invece
non dovrebbe frequentare il nido.

Cause di allontanamento:
• febbre, opportunamente misurata sotto l’ascella;
• diarrea; si raccomanda il lavaggio delle mani delle operatrici e dei bambini alme-
no a ogni cambio;
• vomito, soprattutto se profuso e/o con compromissione delle condizioni generali;
• esantema, macchie sulla pelle, soprattutto se di esordio improvviso;
• congiuntivite, occhio rosso con secrezione purulenta;
• tosse, insistente e ripetuta con difficoltà respiratoria.

L’allontanamento dovrebbe essere previsto tutte le volte che il personale scolastico ne ravvisi la necessità.
. Le operatrici conoscono i bimbi e potrebbero individuare altre
cause oltre a quelle elencate.
Il bimbo sta meglio a casa quando:
• è malato, come riportato sopra;
• ha passato una brutta notte: non ha riposato per la tosse, ha pianto per qualche dolore;
• è abbattuto, disappetente tanto da far pensare a un’imminente malattia.

Le malattie sono contagiose già nella fase di incubazione; trascorrere questa fase in comunità vuol dire diffondere la malattia che troverà terreno fertile nelle mani non lavate a ogni cambio di pannolino o pulizia del naso, negli ambienti troppo caldi, nelle
finestre spesso chiuse e nella non abitudine a portare fuori i bambini tutti i giorni.

Il nido non è scuola dell’obbligo: solo se il bambino è in buona salute ne potrà cogliere tutti gli aspetti positivi, ma non dimentichiamo la scelta del “male minore” quando
occorre fare scelte diverse nel migliore interesse del bambino.
Senza altre parole ogni insegnante nel suo cuore ne porta almeno un caso! Comunità è anche questo.
 

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola