Tre domande sul corsivo

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [QIBMCZ1U] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [VX4B19HH] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [IGGZ37IN] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Imporre a tutti gli alunni di scrivere in corsivo è come pretendere che tutti camminino bene con lo stesso tipo di scarpa? Di Giacomo Stella, dal blog "SOS Dislessia" su "Psicologia e Scuola".

immagine corsivo

La scrittura in corsivo è un argomento di cui si discute molto. Sembra un totem della scuola, un simbolo della scolarizzazione, l’attestato del passaggio dalla fase infantile del gioco alla scolarizzazione, una di quelle acquisizioni che attesta l’acculturazione dell’individuo e il suo ingresso nel mondo dell’istruzione formale. L’insegnante arriva a giudicare insufficiente o comunque incompiuto l’apprendimento di un bambino fino a quando non sa scrivere in corsivo. L’uso sempre più frequente da parte dei bambini della scrittura in stampato maiuscolo è una piaga da combattere. Viene considerato il precursore dell’abbandono della scrittura manuale, l’annuncio dell’imminente vittoria delle tastiere dei computer che si profila come un’ombra minacciosa sulla scuola e sugli insegnanti.

I dibattiti sul corsivo

I dibattiti pro e contro l’uso del corsivo riemergono costantemente ogni volta che si confronta la scuola di oggi con quella del passato, per dire che si sono persi i valori fondamentali dell’insegnamento, ma il sospetto è che quando si usa l’argomento del corsivo si faccia confusione fra calligrafia e ortografia, fra modo di realizzare i segni dello scritto e capacità di esprimersi correttamente per iscritto.
In altri termini, ho l’impressione che spesso quando si dice “oggi i ragazzi non sanno più scrivere in corsivo”, si intenda “oggi i ragazzi non sanno più esprimersi per iscritto”: quest’ultimo è un problema reale, ma diverso, anche se non è detto che non ci siano legami fra questi due aspetti.

Il corsivo è una forma allografica inventata 500 anni fa per scrivere più velocemente, per rendere fluida la trascrizione dei testi. Non ha nulla a che vedere con l’ortografia, che invece rappresenta l’insieme delle regole per trascrivere il parlato in lingua scritta. Mentre esistono diversi allografi (nella scrittura manuale, come ci insegnano alle elementari, almeno 4 per ciascuna lettera) esiste un unico sistema ortografico, cioè un unico insieme di regole condiviso da una comunità per trascrivere la lingua orale.

Dunque c’è un primo aspetto importante che dovrebbe essere chiaro agli insegnanti: l’ortografia è un sistema unico e condiviso, quindi è prescrittivo impararlo. La grafia assume diverse forme, tutte convenzionali e accettate e non si vede perché lo scrivente non possa scegliere quella che gli è più congeniale.

A cosa serve oggi scrivere a mano?

La scrittura manuale è rimasta ormai un retaggio della scuola. Fuori dalla scuola non si scrive più a mano. SMS e mail hanno sostituito le lettere e i messaggi a mano. Il poco che è rimasto sono i moduli da compilare, ma in questi casi viene sempre richiesto di scrivere in stampato maiuscolo.
A cosa serve allora il corsivo? Siamo sicuri che gli scopi per cui oggi scriviamo siano gli stessi di 50 anni fa?
A scuola si insegna ancora a scrivere, e ovviamente questo è indispensabile, ma non è affatto detto che la scrittura manuale sia ancora la forma più vicina all’esperienza dei bambini. Molti sanno già digitare il loro nome sulla tastiera prima di essere in grado di riprodurre le lettere con la matita. Inoltre, la forma del corsivo è la meno semplice da imparare, anche se ha il vantaggio di rendere la scrittura un atto continuo, senza la necessità di staccare la matita dal foglio dopo ogni lettera. Tuttavia, proprio la velocizzazione dell’atto continuo rende il corsivo la forma di scrittura meno decifrabile (le famose calligrafie illeggibili).

Qual è la forma più accessibile di scrittura manuale?

Dal punto di vista grafo-motorio il carattere stampato maiuscolo è sicuramente la forma più facile da imparare poiché si realizza con rette, cerchi e semicerchi. Tutti questi segni si fanno sopra una riga e nessuno sotto o sopra. I bambini nei loro primi tentativi provano a riprodurre le lettere in stampato maiuscolo. Il corsivo è sicuramente più complicato sia perché non risulta chiaro il punto in cui una lettera finisce e inizia la successiva, sia perché le lettere pur cominciando sulla riga a volte richiedono di andare sotto o sopra la stessa e hanno dimensioni molto diverse fra loro, infine perché l’attività continua richiede continui cambi di direzione (basta provare a scrivere in corsivo la parola “uno”). Mentre le lettere dello stampato maiuscolo sono una successione di atti singoli (potremmo definirli “disegni”), la parola scritta in corsivo rappresenta un unico atto, molto complesso e vario.

Immaginiamo di scrivere CANE. La parola scritta in stampato maiuscolo è una sequenza di 4 disegni distinti fra loro, ma se la scriviamo in corsivo possiamo contare ben 5 cambi di direzione nello stesso atto grafo-motorio. Dunque aumentano le difficoltà per i bambini che devono spostare il loro impegno sulle caratteristiche esecutive.

Il corsivo per gli alunni con difficoltà

La maggior parte dei bambini si diverte nel creare queste figure arzigogolate, ma ce ne sono alcuni che non sono in grado di farlo con altrettanta facilità. Trovano difficile collocare i segni sotto o sopra il rigo, oppure trovano difficile ricordare le forme arzigogolate, oppure ancora hanno difficoltà con gli atti motori continui. Perché accanirsi con loro pretendendo di fargli imparare una forma complessa quando esiste quella corrispondente molto più semplice? L’efficacia dell’insegnamento deve riguardare le regole ortografiche, ma siamo sicuri che sia così importante il tipo di carattere utilizzato?

Imporre a tutti i bambini lo stesso carattere è come chiedere a tutti di indossare lo stesso tipo di scarpa. Sappiamo che questo non funziona, dato che a qualcuno la stessa scarpa consente di correre veloce, mentre ad altri fa male ai piedi. Avete mai provato a correre con una scarpa che vi fa male ai piedi? Ci pensino gli insegnanti che chiedono a tutti di scrivere in corsivo.

Potrebbe interessarti anche...

  • lo speciale sulla scrittura corsiva, con due esperienze;

  • l'approfondimento sugli aspetti grafo- motori del corsivo e della scrittura a mano.

Per approfondire questi e altri temi partecipa al IV Convegno Nazionale di “Psicologia e scuola” In classe ho un bambino che... dove sarà presente anche il Prof. Giacomo Stella. Scopri di più facendo clic sull'immagine...

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola

  • avatar

    Pietro Sacchelli

    9:51, 18 Gennaio 2015
    E' importante che ai disgrafici venga consentito l'utilizzo di forme di scrittura alternative al corsivo per non affliggerli con frustranti esercitazioni di calligrafia. Quello che va bene per i DSA non deve essere esteso però a coloro che non lo sono. Intendo dire che la scuola ha il dovere di preservare e difendere il corsivo che rappresenta una conquista ed una tradizione culturale. Per sentire "diverse campane" sul corsivo invito ad ascoltare l'intervista al Prof. Benedetto Vertecchi e a leggere l'ultima rivoluzione scolastica della Finlandia:
    - https://www.youtube.com/watch?v=QFXsFCDPq0s
    - http://www.repubblica.it/esteri/2015/01/13/news/finlandia_-104871272/?ref=HREC1-26
    Il dibattito pro o contro il corsivo nasconde però un aspetto pratico ignorato. I soggetti disgrafici che non scrivono in corsivo, quando in futuro dovranno sostenere la prova scritta di un concorso pubblico, scriveranno in stampato minuscolo o maiuscolo (pena l'esclusione immediata perché caratteri non consentiti che identificano il candidato) oppure esibiranno la certificazione DSA per utilizzare l'Ipad o il tablet?  
    Allora sì che la scarpa calzata comodamente per tanti anni farà veramente male ai piedi!
  • avatar

    vlipuma1

    14:32, 15 Gennaio 2015
    La scrittura è una delle espressioni del sé... come se ci togliessero la facoltà della parola...riflettiamo!!!
  • avatar

    vlipuma1

    14:32, 15 Gennaio 2015
    laL scrittura è una delle espressioni del sé... come se ci togliessero la facoltà della parola...riflettiamo!!!
  • avatar

    vlipuma1

    14:28, 15 Gennaio 2015
    Tutti impariamo a guidare la macchina con le stesse modalità, poi ognuno personalizza il modo sempre nella correttezza delle regole chiaramente....tutti impariamo a suonare uno strumento seguendo delle regole e poi personalizziamo tenendo la mano un pò più su, più giù ecc..... il modo che è più naturale per la motricità del bambino è il corsivo e poi crescendo ognuno personalizza la sua grafia!!!