La metamorfosi dei bachi da seta in un lapbook

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [BNIY55KE] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [Z5EYL3X4] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [PXXRSN1D] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

La metamorfosi dei bachi da seta in un lapbook

Un interessante compito di realtà: la creazione di un “lapbook”. Una cartellina per organizzare in formato tridimensionale le sezioni relative all’argomento trattato: una sorta di evoluzione in senso didattico dei libri pop-up. Ecco il progetto della Primaria di Fontaneto d’Agogna (Momo, Novara). 

Lapbook (2)

Nella odierna didattica la componente visiva ha assunto una importanza sempre crescente: i filmati, gli schemi, le mappe concettuali, aiutano l’apprendimento e favoriscono anche l’inclusione nella didattica ordinaria dei bambini con bisogni educativi speciali (Bes). Tutto ciò può essere potenziato legandolo ad attività pratico-creative di ritaglio, incollaggio e disegno attraverso un compito di realtà estremamente interessante: la creazione di un lapbook.
Si tratta di una cartellina all’interno della quale devono essere organizzate in formato tridimensionale le sezioni relative all’argomento trattato: una sorta di evoluzione in senso didattico dei vecchi libri pop-up.
I bambini delle classi Prime e Quinte della scuola Primaria di Fontaneto d’Agogna (I.C. “Gaudenzio Ferrari” di Momo, Novara) hanno avuto modo di sperimentare questa tecnica per descrivere quanto appreso dopo aver allevato in classe dei bachi da seta. Ogni bambino ha partecipato alla realizzazione del lapbook apportando il suo contributo: qualcuno ha creato i disegni, qualcuno ha cercato le informazioni e le ha sintetizzate, qualcuno ha fatto le foto. Tutti i materiali sono stati poi raccolti nelle varie sezioni con senso estetico e accuratezza. Troviamo così, come in una mappa concettuale tridimensionale o in un ipertesto cartaceo, una rotella che può essere ruotata per far apparire le fasi di sviluppo di una farfalla o un fiore che può essere aperto per scoprire le curiosità relative all’argomento o un altro fiore i cui petali raccolgono la nomenclatura delle parti anatomiche di una farfalla.
Esiste anche una specie di pergamena che può essere aperta per scoprire le parole chiave in lingua inglese.
Un lavoro di questo genere coinvolge profondamente il bambino e gli permette di ricostruire la sua personale immagine mentale di ciò che ha appreso obbligandolo a smontare, ricostruire e riposizionare le nozioni. I mini-book così creati possono essere utili per il ripasso o come base per l’esposizione di qualsiasi argomento configurandosi come strumenti creativo-didattici estremamente potenti.

Per saperne di più

Guarda il progetto completo sul sito della scuola

Tratto da La Vita Scolastica 8 2017

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola