Cura e scoperta del corpo con la scarola

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [7A84N4QX] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [EGQKKGP4] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [2KHA4ZU2] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Una crema per la pelle, una filastrocca, un lavoro per cementare i rapporti scuola-famiglia.

cura e scoperta del corpo con la scarola

La scarola è una delle verdure più interessanti e salutari, con le quali possiamo pensare ad attività ludico-educative e riflessioni insieme a tutta la classe e... ai genitori dei nostri alunni, specie i più piccoli.

L'attività

Proponiamo di decorare una bottiglietta per creare un tonico-crema per la pelle, da usare o regalare alla mamma. 

Materiali

  • bottiglietta di vetro o di plastica
  • colla da parati o colla vinilica
  • carta velina
  • pennello grande
  • tappo cuneiforme di sughero
  • colla a caldo
  • elementi naturali

Preparazione

  1. Chiediamo agli alunni di strappare la carta velina a pezzetti.
  2. Facciamo spalmare un po' di colla sulla bottiglietta (colla da parati se di vetro, colla vinilica se di plastica) poi chiediamo di applicare i pezzetti di carta velina. Le carte veline possono essere sovrapposte anche se di diverso colore (possiamo anche ripassare i colori primari, facendo in modo di verificare come da un pezzetto rosso incollato su uno giallo si ottenga l'arancione, dal blu e giallo si ottenga il verde e così via).
  3. Invitiamo gli a passare la colla anche sopra la carta velina (per creare un “effetto lucido”). Se vogliamo decorare anche il tappo, facciamo incollare (con colla vinilica o colla a caldo) un elemento naturale come una piccola pigna, un piccolo sasso, una bacca di cipresso, ecc.
  4. Stampiamo la lettera che segue (ecco il pdf), da dare ai genitori insieme alla bottiglietta decorata.

Cari genitori, 

vostro figlio ha preparato a scuola questa bottiglietta.
Vi chiediamo di preparare insieme un “tonico della pelle” utilizzando una verdura di stagione: la scarola.

Le proprietà della scarola sono conosciute sin dall'antichità: questo liquido porta un'efficace azione tonificante e ammorbidente alla pelle del viso. 

Ecco come fare

Con tuo figlio taglia il gambo della scarola (e chiedigli di raccontarti cos'ha fatto a scuola con i gambi di scarola), togliete le foglie (se volete provate a contarle) e lavatele.

Una volta lavato il cespo di scarola, mettetelo in una pentola con circa 3 litri d'acqua (potete utilizzare la bottiglietta come unità di misura). Fate bollire l'acqua per 20 minuti (meglio se lo fate guardando un orologio a lancette).

Quando l'acqua si raffredda, travasate il tonico nella bottiglietta.
Condite la scarola lessa (con olio e sale)... e forse anche tuo figlio la mangerà.

La filastrocca

"Andai al mercato" è una canzone popolare brasiliana, dal titolo originale Fui ao mercado. La canzone, conosciuta in tutto il Brasile anche come “Formiguinha”, narra di una formica che si sposta da una parte all'altra del corpo di una persona mentre fa la spesa.  

ANDAI AL MERCATO

ANDAI AL MERCATO
A COMPRARE UNA SCAROLA
E LA FORMICUZZA MI SALTA
SULLA... ... ... ... ... ... ... GOLA

Ritornello:
E FA COSÌ FA COSÌ FA COSÌ,
MA LA FORMICUZZA NON RESTA SEMPRE LÌ   

Nella tradizione brasiliana i bambini mimano la canzone e scuotono la parte del corpo che viene via via nominata.

Nel nostro adattamento, possiamo proporre un gioco all'aperto o in palestra in cui gli alunni si fanno solletico nella parte del corpo menzionata (ad esempio, se la filastrocca dice “ma la formicuzza mi salta sulla mano”: il solletico va fatto sulla mano). Possiamo anche proporla come “canto a ballo”, cioè cantando una strofa dopo l'altra, mimando e scuotendo la parte del corpo nominata.

Riferimenti bibliografici

Lerasle M., All'ombra della papaia. Il Brasile e il Portogallo in 30 filastrocche, Mondadori, Milano 2003.

Munari B., Rose nell'insalata, Corraini, Mantova 2010

Approfondimenti:


Scarica il Power Point con le immagini


La scarola.ppt

 

da www.scuoladellinfanzia.it

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola