“Siedi il bambino!”: cosa dice la Crusca e la questione della lingua

Una consulenza linguistica dell’Accademia è stata interpretata come autorizzazione ad usare, nel linguaggio standard, espressioni riservate agli usi popolari e regionali. Il messaggio è ben diverso e ci invita a riflettere su come muoversi nello spazio linguistico

di Silvana Loiero · 30 gennaio 2019
0 0

Mi piace

REGISTRATI ACCEDI

0
3 min read

La vita è bella perché è varia , diceva una vecchia canzone. Possiamo analogamente dire che la lingua è bella perché è varia. E il caso mediatico di questi giorni ce ne dà una dimostrazione.
Al di là dei titoli dei titoli ad effetto dei giornali, completamente fuorvianti, e al di là del superficialismo con cui, purtroppo, molte persone leggono ciò che appare sul web, il “caso Crusca” può aiutarci a riflettere sulla complessità della lingua e nel contempo sulla varietà, in essa co

Questo contenuto è riservato agli abbonati io+, l'offerta Premium di giuntiscuola.it.

Vuoi provare io+ gratis per un mese? Registrati a giuntiscuola.it!