Non chiamatemi straniero

Un progetto realizzato a Milano in tre quartieri a forte presenza di immigrati, coinvolgendo i residenti. Il 2 febbraio verranno presentati i risultati del progetto in un seminario e in una mostra. 

di Redazione GiuntiScuola · 01 febbraio 2017
0 0

Mi piace

REGISTRATI ACCEDI

0
2 min read

"Don't call me stranger" è il nome di un progetto realizzato a Milano in tre quartieri a forte presenza di immigrati. Il progetto è stato finanziato dall'UNAR (ufficio nazionale anti-discriminazioni razziali) e dal Comune di Milano. Tanti sono stati gli interventi realizzati coinvolgendo i residenti nei quartieri. Tra questi, la raccolta di storie di vita di donne immigrate, il riuso di spazi chiusi e abbandonati per farne presidi sociali e luoghi di incontro. Il 2 febbraio verranno presentati i risultati del progetto in convegno e con una mostra.

Inaugurazione della mostra “Don’t call me stranger” e convegno

Casa dei Diritti - Via De Amicis, 10, Milano. Giovedì 2 febbraio 2017 Ore 17.30

La mostra restituisce le iniziative, le attività e i progetti che sono stati sviluppati per promuovere integrazione e coesione sociale, prevenendo razzismo e discriminazioni.

Programma interventi del convegno:
Francesco Spano, Direttore UNAR, Presidenza del Consiglio dei Ministri
Gabriele Rabaiotti, Assessore ai Lavori Pubblici, Casa e Periferie Comune di Milano
Pierfrancesco Majorino, Assessore alle Politiche Sociali, Salute e Diritti Comune di Milano
Sono stati invitati i Presidenti, gli Assessori e i Presidenti di Commissione dei Municipi 2, 6 e 7
Il progetto “Don’t call me stranger”: azioni e risultati
Miriam Pasqui, Responsabile Casa dei Diritti - Comune di Milano
Emanuela Manni e Federica Bosi, Associazione Villa Pallavicini - Via Padova
Luca De Vecchi, Comunità Nuova Onlus - Quartiere Giambellino Lorenteggio
Francesca Cognetti, Laboratorio di ricerca Mapping San Siro, DAStU, Politecnico di Milano - Quartiere San Siro
Interventi e contributi dal pubblico
Visita della mostra
Aperitivo-buffet a cura di Cuochi a Colori

La mostra rimarrà aperta dal 2 al 16 febbraio, dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 18.00.

Foto Mi-Tomorrow

Per saperne di più

Scarica l'invito alla mostra

Scarica il programma del convegno