Le relazioni diagnostiche: solo etichette o un aiuto alla comprensione del bambino?

Un modello alternativo propone un profilo articolato del ragazzo, descrittivo in maniera dettagliata di caratteristiche, punti di forza e di debolezza. Di Cesare Cornoldi

di Redazione GiuntiScuola · 29 ottobre 2018
0

REGISTRATI ACCEDI

0
2 min read

Avverto con sempre maggiore frequenza la stizza di insegnanti e operatori per etichette cliniche (DSA, BES, ADHD, FIL ecc.) e per diagnosi che sanciscono l’e sistenza di un determinato profilo diagnostico .

Ho l’impressione che questa stizza nasca da un equivoco che ho già sperimentato in passato in relazione ad altri casi in cui era stata carente la comunicazione fra esperti di apprendimento e operatori della scuola .

Qual è l’equivoco? È quello di pensare che l’etichetta clinica costituis

Scopri io+, l'abbonamentoal nuovo ambiente digitale giuntiscuola.it