L'attività fisica, una risorsa per le persone con autismo

Una recente ricerca mostra come nell’autismo l’attività in acqua riduca i comportamenti stereotipati e migliori le relazioni interpersonali e l'autostima. Di Mirella Zanobini

di Redazione GiuntiScuola · 20 dicembre 2018
0 0

Mi piace

REGISTRATI ACCEDI

0
2 min read

Su autismo e attività fisica non c'è tantissima ricerca. Si dice che l'attività fisica sia utile perché spesso le persone con autismo, per povertà di interessi o ridotte capacità comunicative e sociali, hanno meno occasioni di svolgerla: quindi rappresentano una popolazione a rischio di vita sedentaria .

Riscontriamo molta utilità nelle capacità motorie in genere, e riconosciamo la loro connessione con le abilità sociali. Talvolta notiamo anche delle ricadute positive sulla diminuzione di

Questo contenuto è riservato agli abbonati io+, l'offerta Premium di giuntiscuola.it.

Vuoi provare io+ gratis per un mese? Registrati a giuntiscuola.it!