“La musica è un tutto!”. Un adeguato percorso musicale come strumento privilegiato di inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Quali vantaggi può apportare l'educazione musicale agli studenti con Bisogni Educativi Speciali? L’esperienza sonora stimola lo sviluppo intellettivo, motorio e relazionale dell’individuo. Concorre anche allo sviluppo della percezione fonologica del linguaggio, con ripercussioni positive sull’eloquio e sulle abilità di lettoscrittura. L’educazione al suono può costituire, inoltre, un canale privilegiato di educazione interculturale.

di Redazione GiuntiScuola · 25 luglio 2016
0 0

Mi piace

REGISTRATI ACCEDI

0
2 min read

La Musica è un tutto! La definizione di Daniel Barenboim (2013) non si pone come adesione aprioristica e dogmatica a una passione personale; essa coglie, piuttosto, l’essenza del mondo sonoro, considerandolo a ragione un complesso di elementi che assumono significato nella loro organicità (Barenboim, 2013).

I parametri del linguaggio musicale , quali la melodia, l’armonia, il ritmo sono fra loro interdipendenti e richiedono una grande capacità di analisi e controllo sia da parte dell’esecu

Questo contenuto è riservato agli abbonati io+, l'offerta Premium di giuntiscuola.it.

Vuoi provare io+ gratis per un mese? Registrati a giuntiscuola.it!