Contenuto riservato agli abbonati io+

La bambina che vuole la bambola nera diventa un caso negli USA

La cassiera alla bambina bianca: "Prendine una che ti assomiglia di più". Migliaia di commenti. Interviene anche la figlia di M. L. King. 

di Redazione GiuntiScuola11 aprile 20171 minuto di lettura
La bambina che vuole la bambola nera diventa un caso negli USA | Giunti Scuola

Sofia, una bambina di due anni (bianca), sceglie una bambola-dottoressa (nera) e la cassiera del negozio di giocattoli le consiglia: "Prendine una che ti somiglia".

"Sofia le ha risposto che la bambola le somigliava: era una dottoressa, come lei. Era carina, come lei. Aveva lo stetoscopio, come lei. Mia figlia non si è fatta scoraggiare: magari un'altra bimba lo avrebbe fatto" ha raccontato su Facebook Brandi Benner, madre di Sofia. Il post è stato condiviso più di 140mila volte e ha avuto migliaia di commenti. Molti anche a sfondo razzista. È intervenuta anche Berenice King, figlia di Martin Luther King: "La scelta di questa bambina è il segno di un cambiamento che ci porterà a vedere oltre il colore della pelle e che metterà fine ai giudizi che si basano su questo".

Credits: Repubblica.it