Giochiamo con le stelle

Scopriamo il cielo e le stelle inventando costellazioni!

di Elena Fascinelli · 24 aprile 2015
0

REGISTRATI ACCEDI

0
4 min read

Nella storia del poster di maggio , Gastone il gatto e Chicca la chiocciola passeggiano insieme nella notte osservando le stelle. Già il fatto che Merlino e Lucia non siano voluti uscire di notte può fornire motivo di discussione fra i bambini, collegandoci anche alle considerazioni sugli animali a sangue freddo che abbiamo fatto lo scorso mese. Possiamo chiedere ai bambini perché il merlo e la lucertola non amano uscire con il buio e trovare insieme delle risposte che possiamo poi verificare con mamma e papà. Molti bambini mi dicono che se non sanno qualcosa cercano su internet e citano con competenza siti di diverso genere. Quest'anno hanno dato prove eccellenti in occasione dell' eclissi solare , e poi l'abbiamo guardata tutti insieme: la scuola ha procurato le maschere da saldatore e abbiamo potuto osservare dal vivo questo bellissimo fenomeno astrale. Una delle cose che ha maggiormente affascinato i bambini, però, sono le stelle...

Una storia in cielo

Abbiamo letto con i bambini un testo assolutamente introvabile nel quale un piccolo orso chiede al proprio papà se è lui è l’orso più grande del mondo. Il papà risponde ridendo di no e dice al piccolo orso che lo vedrà più tardi. Nello svolgersi della storia il piccolo orso incontra altri grandi orsi: un equilibrista sui trampoli, una statua, un enorme orso di cioccolato e una mongolfiera a forma di orso , ma nessuno di questi è il più grande come afferma il suo papà. Arriva la sera e piccolo orso si appresta ad andare a letto senza aver soddisfatto la sua curiosità, ma poi il papà arriva e apre la finestra mostrando l’orsa maggiore. La costellazione nel libro si illumina e i bambini sono sempre stupiti e divertiti da questa trovata.

Stella, t'invento

Abbiamo pensato di rifare anche noi questa magia. Con i bambini più piccoli abbiamo colorato con il nero a tempera dei pannelli di cartone di recupero e poi ognuno ha disegnato una stella usando il colore giallo nella posizione desiderata. Con il pennarello indelebile abbiamo congiunto stelle vicine fino a creare un’immagine a cui i bambini hanno dato un nome: costellazione Del palloncino, Del vulcano e Della carrozza con i cavalli . Abbiamo completato tutto stendendo un sottile strato di colla vinilica su cui i bambini hanno fatto cadere del glitter dorato.

L’insegnante ha poi forato il centro di ciascuna stella e ha inserito delle lucine natalizie. Abbiamo appeso il pannello nella stanza dei sogni e quando i bambini sono entrati per il riposino hanno trovato il pannello acceso. Lo hanno voluto acceso per tutta la giornata e adesso ogni mattina è il punto di passaggio obbligatorio prima di entrare in sezione. La cosa che piace di più ai bambini è stare al buio nella stanza seduti a guardare le lucine accese e ogni volta hanno sempre qualche nuovo commento da fare. Magico!

I bambini di 4 anni hanno fatto più o meno la stessa cosa ma in versione ridotta scegliendo fra cartoncini blu e neri e incollando delle stelline di carta gialla assolutamente a caso sul foglio stesso. Abbiamo congiunto con il pennarello dorato e abbiamo creato la costellazione del calzino e quella del piede, ma anche quella del diamante.

Per le scuole che possono farlo consiglio l’esperienza di una visione notturna delle stelle con i bambini e le famiglie. Nell’ultimo mese di scuola potrebbe essere meraviglioso vivere insieme questa esperienza magari accompagnati da qualche esperto che ci possa spiegare le cose che vediamo.

Di che cosa è fatta la luna?

Ci consiglio il cortometraggio della Pixar La luna : la poesia delle immagini porterà grandi e bambini in un mondo assolutamente fantastico. L’ho guardato e riguardato con i bambini fermando le immagini per cogliere tutti i meravigliosi particolari.

Un consiglio: alla fine riportate i bambini a discutere della reale conformazione della luna. Poi provate a chiedere: la luna è veramente fatta di stelle? Se poteste scegliere, di che cosa la fareste, voi?

Scopri io+, l'abbonamentoal nuovo ambiente digitale giuntiscuola.it