A partire dai punti di forza di allievi, insegnanti e comunità

L’etica dell’inclusione deve partire dai punti di forza degli alunni, ma anche da quelli degli insegnanti e delle comunità. Per costruire ambienti di apprendimento efficaci e provare a re-immaginare il modo di fare scuola. Di Davide Zoletto (Università di Udine).

di Redazione GiuntiScuola · 12 marzo 2018
0

REGISTRATI ACCEDI

0
4 min read

Costruire ambienti e percorsi educativi inclusivi

Costruire ambienti e percorsi educativi che partano dai punti di forza di tutti gli allievi e le allieve: si potrebbe forse parafrasare in questo modo una fulminea e molto quotidiana definizione di “etica dell’inclusione” (“building on the knowledge and experiences of all the children”) che la stu

Scopri io+, l'abbonamentoal nuovo ambiente digitale giuntiscuola.it