La statua che cammina

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [EMUF6FXM] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [EB3Y6J1N] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [8IP8QINM] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Contro l’avanzare dei muri, una storia ironica e avvincente del monumento simbolo dell’accoglienza. Di Lorenzo Luatti. 

luatti statua liberta interni1

Eppur si muove

Pochi forse sanno che il piede destro della Statua della Libertà, la Statua conosciuta in tutto il mondo come simbolo di New York e degli Stati Uniti, è sollevato dal piedistallo. Come se volesse andare da qualche parte. Ma dove?
Una donna color verde rame di 92 metri piedistallo compreso e 225 tonnellate di peso, carica di attributi e simbologie, dove diamine vuole andare? In alto tiene una fiaccola per illuminare il mondo, in seno ha la costituzione, sulla testa una corona, il vestito e le catene sotto ai piedi, spezzate, simbolo di libertà dall’oppressione e di speranza: e poi quel dettaglio nascosto, ma molto importante, che passa inosservato, quel piede destro un po’ alzato ad accennare un passo, e la postura leggermente protesa in avanti. Cosa vorrà significare? E la Statua, dove sta andando?

Quel suo piede destro

C’è adesso un libro di 104 pagine scritto da Dave Eggers e illustrato da Shawn Harris che spiega il curioso arcano: il libro, coloratissimo, s’intitola Il suo piede destro (Mondadori, 2018, euro 20,00), versione italiana di Her Right Foot. A picture book about the Statue of Liberty.

È una corposa raccolta di fatti, aneddoti e curiosità sulla Statua della Libertà; si parla della sua storia, di ciò che rappresenta e del significato dei suoi simboli. Così scopriamo, ad esempio, che l’immensa scultura fu costruita, montata e smontata a Parigi, che dalla Francia fu data in dono agli Stati Uniti per rendere omaggio ai moderni valori della democrazia e della libertà individuale che gli USA all’epoca incarnavano. Che è rivestita di rame e originariamente era di color marrone, che le sette punte sulla corona della Libertà rappresentano i sette mari della Terra, e i sette continenti, e anche i sette raggi del sole. Che Thomas Edison, l’inventore della lampadina e del grammofono, propose di installare un gigantesco grammofono all’interno della statua perché voleva che fosse in grado di parlare. Ma l’idea, un po’ stravagante, non ebbe seguito. Questo e moltissimo altro scopriamo in questa avvincente e ironica narrazione.

Un monumento per l’accoglienza dei migranti

Col tempo, poi, la Statua ha assunto altri significati. Nel secolo scorso è diventata un monumento all’accoglienza dei tanti migranti che dall’Europa approdavano negli Stati Uniti in cerca di fortuna, in fuga dalla povertà o per salvarsi dalle persecuzioni. Dopo settimane di navigazione gli immigrati vedevano la Statua e ciò voleva dire che erano arrivati, che ce l’avevano fatta. La verde Signora ha dato il benvenuto a milioni di persone in passato, e continuerà ad accoglierle, sempre. Come? Andandogli incontro, protendendosi verso di loro: il suo piede destro è scoperto e sembra muovere verso il mare ad accogliere i migranti. Ecco svelato il mistero, ecco dove sta andando!

Rifiuto dell’immobilità

Se la Statua della Libertà è un simbolo di libertà, dice Dave Eggers, come può starsene lì e basta? Se la Statua della Libertà ha accolto milioni di migranti negli Stati Uniti, allora come può restare ferma?
La teoria di Eggers forse non è proprio storicamente accurata, ma indubbiamente è un bel modo per spiegare a bambini e adulti valori fondamentali come quelli dell’accoglienza, dell’impegno civile e della tolleranza. Un libro dal messaggio potente che spinge il lettore a riflettere e osservare, a guardare e interagire, ad andare oltre.

Lorenzo Luatti: 27 Febbraio 2018 Libri e fumetti

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola

  • avatar

    iman1

    20:26, 12 Novembre 2018
    Hi after reading your blog I have finally found some knowledge which I was looking for so long for that reason Thanks..
    https://192-168-1-1.mehttps://facetime-app.comhttps://facetimeforandroid.biz