Silenzio… si legge

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [H2LXZBT7] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [4YHT62VJ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [RHMQT6VR] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Il 26 ottobre inizierà "Libriamoci: giornate di lettura nelle scuole". Per l'occasione, condividiamo un progetto della scuola primaria "Italo Calvino" di Spresiano (TV). 

L'accesso alle risorse di questa sezione è riservato ai seguenti profili

Entra Non sei ancora registrato? Fallo ora!
Lettura

"Leggo. È come una malattia. Leggo tutto ciò che mi capita sottomano, sotto gli occhi giornali, libri di testo, manifestazioni, pezzi di carta trovati per strada, ricette di cucina, libri per bambini. Tutto ciò che è a carattere di stampa": è la meravigliosa, tagliente Agota Kristof de L'Analfabeta a parlare nell'epigrafe del progetto lettura condotto presso la scuola primaria "Italo Calvino" di Spresiano (TV) nel 2014.

"Silenzio, si legge... in lingua russa, albanese, croata, cinese, araba" il titolo del progetto. A partire da una biblioteca scolastica con uno scaffale intercultura con 137 libri, i sedici alunni di una classe quarta con diverse lingue e nazionalità sono stati condotti a una maggiore consapevolezza sul concetto di cittadinanza europea attraverso la valorizzazione delle loro diverse identità e radici culturali. La responsabile della biblioteca e l'insegnante di riferimento hanno lavorato con i bambini e con i genitori, organizzando letture condivise di libri e facendo riferimento sopratutto ai volumi della casa editrice Carthusia nella collana "Storie sconfinate".

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola