La camminata libera

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [4QJDPWWX] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [UF66WK13] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [H4U9AP8A] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Camminiamo per imparare a conoscerci e trovare il nostro ritmo.

DSC_0517.jpg

Nel “Giardino del ritmo” (vedi volume Suoni e musiche in gioco) sono state proposte 4 andature: elefante, passeggiata, corsetta e cavallo. Si tratta di camminate “a tempo”, sottolineate da un ritmo codificato.

La camminata libera, invece, non prevede alcun accompagnamento musicale. Camminare liberamente nello spazio contribuisce a creare la consapevolezza del ritmo spontaneo che ciascuno di noi naturalmente possiede, punto di partenza per iniziare a lavorare sul ritmo.

La buona riuscita di questo gioco, però, non è affatto immediata.
Inizialmente i bambini tendono a rincorrersi, a seguire l’amico/a del cuore, a giocare a scontrarsi uno con l’altro, ad addensarsi essenzialmente nella parte centrale dello spazio, ignorando le zone periferiche (in questo modo si sentono più sicuri e protetti).

Bambini che camminano in fila formando un trenino.

Condividi

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola