Maggio in Sri Lanka

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [WAL1N1GC] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [J4XI95G7] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [778FPPDY] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

La cartolina di questo mese ci arriva dallo Sri Lanka, tra feste, luci e oggetti di questo Paese.

immagine-apertura

Durante la notte del plenilunio di maggio, come abbiamo visto dal calendario di questo mese, si svolge una festa buddista molto sentita nello Sri Lanka e in molti altri Paesi asiatici: il Vesak. Con questa festa si commemorano i momenti più importanti della vita di Buddha.

Le lanterne

Uno fra i tanti modi di festeggiare il Vesak è quello di illuminare strade e case con lanterne di ogni genere, un modo per dedicare un'offerta all'illuminazione (Buddha in sanscrito significa “colui che ha raggiunto l'illuminazione”).


Ecco alcune lanterne che si vedono nel mese di maggio nello Sri Lanka:

                 
 

  

Se vogliamo costruire una lanterna come quelle che vengono utilizzate per la festa del Vesak, seguiamo le indicazioni di questo video tutorial:

Una lanterna semplice come quella indicata sulla cartolina del poster di questo mese (con cartoncino, carta velina e colla) può invece essere costruita facilmente durante un laboratorio insieme ai genitori in vista di una festa di fine anno.

L’idea in più: magie di luce (e altro)

Per approfondire il tema della luce anche da altri punti di vista e cominciare a far appassionare anche i più piccoli ai fenomeni scientifici collegati a questo fenomeno (ma non solo) possiamo iniziare con il proporre alcune letture o semplici esperimenti.

Interessante è il libro Di notte, al buio di Pascal Desjours, collana “Apprendisti scienziati” di Editoriale Scienza, ma il sito di questo editore accoglie una sezione ricca tanti spunti interessanti (“Esperimenti fai da te”).

Per esempio, l’esperimento “Piega la luce” si può proporre ai bambini più grandi insieme ai compagni della primaria in occasione di un incontro di continuità.

     

Maschere ed emozioni

Lo Sri Lanka è un luogo dove si indossano maschere per feste e spettacoli ma anche per alcuni rituali curativi. Osserviamo quest'ultima tipologia di maschere (dette “tovil”):

               

Le maschere sono un qualcosa che si ritrova in tutte le culture. 
Osserviamone insieme alcune che provengono da diverse parti del mondo sul sito Maschere del Mondo.

Che cosa suscita nei bambini l'osservazione di queste maschere? Quali emozioni? Quali pensieri? Se il tema delle maschere appassiona, stampiamo quelle che attirano di più i bambini, formiamo delle carte (una maschera in ogni singola carta da gioco) e utilizziamole per inventare delle storie.

Festeggiamo la Giornata mondiale del gioco

Passiamo dal giorno di plenilunio srilankese al primo giorno europeo di luna calante (cioè quando nel cielo non si vede la luna), che quest'anno è il 28 maggio: la "Giornata mondiale del gioco". Prepariamoci a questo evento ricercando i giochi simili nei cinque continenti.

Giochiamo con i bambini a "Uno, due, tre... stella", scattiamo qualche foto e attacchiamala su un cartelone dedicato ai giochi che ci sono in tutto il mondo. "Uno, due, tre... stella" è un gioco presente in diversi Paesi; divertiamoci a pronunciare la frase di rito in varie lingue, a seconda dei bambini stranieri presenti in sezione.

In francese è "Un deux trois... soleil" (Uno, due, tre... sole), in spagnolo "Un, dos, tres... pollito ingles" (Uno, due, tre... pollo inglese), in inglese "Red light, green light" (Semaforo rosso, semaforo verde), in albanese "Nye, dy, tre... i ngrire" (Uno, due, tre... ghiacciato), in cinese "I ar san... mutoren" (Uno, due, tre... spaventapasseri)... Sul cartellone lasciamo uno spazio per far scrivere ai genitori la frase di rito nel proprio dialetto o nella propria lingua. Anche in questo caso, cogliamo lo spunto per instaurare un dialogo con mamme e papà.

Possiamo fare la stessa cosa con il gioco della campana (o settimana): attacchiamo la foto di questi momenti e lasciamo uno spazio ai genitori per disegnare la campana che tracciavano per terra quando erano bambini.

Giochiamo allora tutti insieme, grandi e piccoli, durante la festa di fine anno alla luce delle nostre lanterne... 

GIOCATE CON NOI!
Inviateci le fotografie dei lavori collegati al poster del mese. Li pubblicheremo sul sito!
Scrivete a: scuolainfanzia@giunti.it

Condividi

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola