Matematica con il gioco delle carte

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [E66GGBPG] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [WZJKWCC2] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [EPNVCRRZ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Conteggio e strategie matematiche col gioco delle carte nella scuola dell'infanzia di Spinea: il progetto, il lavoro di gruppo, i disegni e le parole dei bambini in tre video. 

L'accesso alle risorse di questa sezione è riservato ai seguenti profili

Entra Non sei ancora registrato? Fallo ora!
Matematica con le carte

Anna Aiolfi, insegnante, racconta ad Emilia Passaponti, caporedattore di "Scuola dell'infanzia", un progetto di scoperta della matematica con il gioco delle carte, realizzato con i bambini di 5 anni.

Il progetto ha permesso di affrontare concetti piuttosto complessi: numero ordinale, cardinale, numero-etichetta. Ha inoltre stimolato i bambini a sviluppare le proprie capacità di risoluzione del gioco e la qualità del dialogo tra loro (si sono dovuti "mettere d'accordo su come si gioca").

Durante le attività, svolte in piccoli gruppi, i bambini più abili hanno fatto da tutor a quelli meno abili, per esempio aiutandoli a capire cosa significa distribuire le carte, "scartare" una coppia di carte, trovare una carta dello stesso seme di un'altra. 

Intervista realizzata durante il XXVIII convegno del NDR in Didattica della Matematica di Bologna.

Il progetto

Il lavoro di gruppo

L'albero delle carte

Condividi

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola