Giochi e intercultura. Programmare l'inaspettato

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [MF91EXHV] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [RM42C5IE] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [IS2PSNBI] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Giochi e intercultura. Programmare l'inaspettato

Antonio Di Pietro ci racconta l'intercultura attraverso giochi da tutto il mondo. Il secondo dei cinque video che ci accompagneranno fino all'autunno prossimo. 

L'accesso alle risorse di questa sezione è riservato ai seguenti profili

Entra Non sei ancora registrato? Fallo ora!
Programmare l'inaspettato

Antonio Di Pietro racconta l'intercultura attraverso giochi da tutto il mondo: un'esperienza di didattica laboratoriale realizzata in collaborazione con i Servizi Educativi del Comune di Prato. L'esperienza è documentata in 5 video.

Nel primo video, si parlava della promozione di esperienze diversificate tramite giochi transculturali.

In questo secondo video si parte dall'idea che i bambini giocano con ciò che trovano ancor prima che con i giocattoli. Il gioco autonomo, se programmato con la stessa cura delle attività condotte, è dunque una privilegiata occasione formativa. Osservare gli interessi di ciascuno rappresenta un'occasione per valorizzare le differenze e costruire altre situazione di gioco più o meno strutturate.

Programmare l'inaspettato

 

Per saperne di più

Antonio Di Pietro: 16 Maggio 2014 Articoli

Condividi

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola