Un'orchestra senza direttore: dentro al Deficit di Attenzione e Iperattività

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [G5HYCFUV] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [EE3W5W1V] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [NAGVA2TG] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Un'orchestra senza direttore: dentro al Deficit di Attenzione e Iperattività

Nel numero 39 della rivista “Psicologia e scuola” si pubblica l’articolo “Un'orchestra senza direttore: dentro il deficit di attenzione e iperattività” di Marta Rigo (psicologa) e Giuseppe Zamboni (regista) che spiega il perché della scelta di raccontare, attraverso il video che riproponiamo qui, il vissuto di Davide, un ragazzo a cui è stato diagnosticato il Disturbo di Attenzione e Iperattività (ADHD). 
Schermata 2015-04-20 alle 15.13.19

Davide

Qual è il vissuto dei ragazzi ai quali viene riconosciuto il Disturbo di Attenzione e Iperattività (ADHD)? In questo video Davide racconta la sua storia per permettere di comprendere meglio, attraverso uno sguardo “da dentro”, la sua esperienza e quella di coloro che hanno a che fare con questo disturbo poiché, come afferma lo stesso Davide: “Tanti possono trattarti male, tanti possono snobbarti, tanti possono anche capirti, e questa qui è una bella cosa”. 

20 Aprile 2015 Bisogni, Casi, Disturbi, Strumenti

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola