Oggi è la Giornata Nazionale della Psicologia

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [GSA2JCJS] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [WDN7SHV5] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [DI1Y8ALE] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)

Oggi è la Giornata Nazionale della Psicologia

Oggi è la Giornata Nazionale della Psicologia, che ha come tema le “periferie esistenziali”, «i “luoghi lontani dell’animo”, di chi si sente emarginato dalla società, di chi è lacerato da tensioni e conflitti, di chi non riesce a far fronte alla complessità esistenziale, riscontrabile anche nel disagio di molti giovani ed adolescenti».

La scuola è un luogo di scambi e di incontri, ideale per accogliere e far dialogare chiunque arrivi da qualsiasi periferia, esistenziale o geografica. A scuola tutti dovrebbero avere la possibilità di far sentire la propria voce, da qualsiasi angolo del mondo (interno o esterno) provenga. Anche per questo è un contesto così importante per dare forma alla propria dimensione relazionale: a scuola si sperimenta l’effetto che la propria “voce” ha sugli altri, l’effetto che le “voci” degli altri hanno su di noi.

Sul sito della Giornata Nazionale della Psicologia si legge che l’obiettivo della figura dello psicologo «… è quello di mettere al centro la persona e di promuovere risorse e relazioni capaci di reciprocità, volti al miglioramento esistenziale e a una nuova progettualità di vita»: questo dovrebbe essere anche uno dei principali obiettivi della scuola.

Quindi, scuola e psicologia possono venirsi incontro in molti modi e contare su una vicendevole collaborazione riguardo a molteplici piani: la scuola può avvalersi delle conoscenze sui diversi processi psicologici messi in gioco nelle relazioni e nell’apprendimento, la psicologia può fare della scuola un osservatorio privilegiato per comprendere pienamente le necessità dei suoi interlocutori (bambini, adolescenti, insegnanti, famiglie…).

Lo psicologo, a scuola, può essere d’aiuto in molti ambiti (formazione, sostegno, prevenzione, gestione delle problematiche relazionali, organizzative o legate al rapporto scuola-famiglia…) e la scuola regala alla psicologia ogni volta possibilità nuove e preziose di comprensione delle dinamiche evolutive e relazionali e consente di sperimentare nuove modalità di intervento.

In occasione della Giornata Nazionale della Psicologia, è importante ricordarsi che la psicologia e la scuola condividono prima di tutto un obiettivo: «Creare canali di comunicazione tra mondi separati da barriere invisibili». E questa è anche l’intenzione di fondo della nostra rivista Psicologia e scuola.

Alcuni contributi che trattano il tema della relazione tra psicologia e scuola:

Le aspettative della scuola nei confronti dello psicologo: ce ne parla il Prof. Santo Di Nuovo

Perché la scuola ha bisogno della psicologia?

Considerazioni sul rapporto tra scuola e psicologia

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola