La dislessia: popolarità di un disturbo sconosciuto e inspiegabile

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [HJZBCZSA] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [JL37DUQB] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [KHFZUET3] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

La dislessia: popolarità di un disturbo sconosciuto e inspiegabile

Tutti ormai parlano di dislessia, ma nonostante la notorietà non si riesce a capire cosa sia veramente questo disturbo. Proviamo a spiegarlo dalle origini.
marciapiede.jpg

Noi non riusciamo a capire cos’è la dislessia perché non sappiamo nulla dei processi di apprendimento che guidano la maggior parte delle nostre acquisizioni.
La deambulazione, il linguaggio verbale, e anche la capacità di leggere vengono acquisite senza nessuna consapevolezza esplicita, ma solo perché esiste un meccanismo innato che lascia una traccia di ogni esperienza, associato a un meccanismo di accumulazione progressiva capace di riconoscere ogni stimolo già incontrato e di rinforzarne la traccia.

Quindi, ogni volta che incontriamo uno stimolo questo meccanismo innanzitutto lo classifica come già noto oppure come nuovo. Se è già conosciuto, la traccia ne esce rinforzata, mentre se è nuovo viene creata una nuova traccia. Questo meccanismo apparentemente sofisticato, ma molto efficiente, si chiama “apprendimento implicito”.

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola