Il nido e la cura nella distanza

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [MRJNRBI2] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [K7Y3TZ18] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [KG82GLDT] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => it
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3
Forse proprio adesso è necessario adottare una postura di ricerca, nella consapevolezza dei limiti e alla ricerca delle opportunità che gli spazi virtuali ci possono offrire. Di Serafino Carli, coordinatore pedagogico

Nell'ottica di un possibile protrarsi della situazione corrente - consapevoli che non sia possibile fondare un'azione educativa esclusivamente su dimensioni estemporanee - vorrei allora condividere con voi una riflessione sulla cura di due condizioni che, a distanza, possono contribuire alla promozione del benessere dei bambini nella relazione con le famiglie e le educatrici in questo momento così diverso dall'abituale.

1. Il nido come luogo curato di relazioni


Anzitutto il nido - anche nella sua forma virtuale - deve mantenersi come luogo curato di relazioni. Uno spazio aperto in cui ciascuno abbia l'opportunità di scegliere tra una pluralità di proposte.
 

Ciò comporta che:

- Esista uno spazio in cui le famiglie possono entrare ed accedere a contenuti a loro riservati (video, foto, ecc.), in cui possano a loro volta intervenire, ed in cui i bambini abbiamo l'opportunità di ri-conoscersi. In uno spazio comunque protetto, il cui accesso sia consentito e ristretto alle sole famiglie.

- La ricchezza di un video o di un'attività svolta in prima persona da un'educatrice di riferimento del nido possa essere intervallata da una selezione di contenuti che già si trovano in rete. In particolare, attualmente su internet si trova di tutto: anche alcune proposte molto valide. Compiere una selezione e renderle immediatamente ed in modo ordinato fruibili alle famiglie può rivelarsi un gesto di cura molto significativo.

2. L'importanza di farsi raggiungere


Questa ricchezza dovrà essere ordinata e facilmente leggibile e raggiungibile. Probabilmente un gruppo di whatsapp non offrirà la stessa leggibilità delle proposte di un gruppo facebook chiuso, di un sistema di e-learning più articolato come Weschool o Google classroom.

Tra gli aspetti significativi di cui tener conto nella costruzione e nella organizzazione di spazi virtuali vorrei sottolineare la possibilità di sostenere la strutturazione della giornata nei suoi ritmi familiari.
In questi tempi nuovi, diversi, fluidi e complessi, i bambini scoprono nuove routine e modi di vivere i tempi e le relazioni.
Il nostro sostegno può allora rivolgersi - oltre alla ricchezza della proposta - al sostenere dinamiche di anticipazione e di strutturazione delle attività nell'arco della giornata.
Ad esempio fissando l'orario di condivisione del contenuto (lettura, attività ecc.) in maniera sempre uguale. In modo da offrire la possibilità a bambini e genitori di poter anticipare tale accadimento.

Inoltre, una buona piattaforma per un nido virtuale ci dovrà consentire anche di organizzare il materiale che abbiamo condiviso. In modo che sia di facile reperibilità da parte delle famiglie anche dopo alcuni giorni che lo abbiamo pubblicato.

In questa prospettiva, il coordinamento di rete può mettere a disposizione a sua volta una spazio virtuale (per noi è Rete educativa lunigiana online) in cui le educatrici abbiano la possibilità di accedere, attingere e condividere - anche in un'ottica 0-6, coinvolgendo le scuole dell'infanzia - alcune proposte, attività e pratiche, per poi riportarle nel proprio contesto.

Se è vero che questa complessa situazione ci ha trovati probabilmente impreparati, non possiamo intendere una chiusura degli spazi fisici dei nostri servizi intendendola come sospensione del diritto dei bambini a fruire di relazioni educative di qualità.
Forse proprio adesso, in un momento in cui routine, esperienze e relazioni quotidiane di bambini e adulti sono stravolte, è necessario adottare una postura di ricerca, aperta all’inatteso, all’imprevisto e al possibile – la stessa che quotidianamente e con professionalità assumete nella relazione diretta con i bambini – e trasfigurarla in una realtà differente, nella consapevolezza dei limiti – e alla ricerca delle opportunità – che gli spazi virtuali ci possono offrire.

03 Aprile 2020

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola