Il bambino attivo - "Pillole" per cominciare bene

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [FAJPJ5W7] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [7AQNAEWI] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [ABVJZIF6] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => it
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Il bambino attivo - "Pillole" per cominciare bene

Se  il bambino non è un soggetto debole ma un essere attivo, come dobbiamo impostare il nostro stile educativo? Un video di Anna Lia Galardini

La psicologia evolutiva ci insegna che il bambino è un essere attivo, non un soggetto fragile: su queste basi possiamo educare e organizzare i servizi educativi.

È un’idea facile da condividere ma meno facile è praticarla.
Il bambino va considerato e rispettato come soggetto capace di iniziativa. L’adulto allora deve stare in atteggiamento di chi comprende e accoglie l’iniziativa. E non ci sono standard evolutivi rigidi ma singolarità che vanno rispettate, a partire dalle risorse esistenti invece che dalle potenziali carenze.

L’infanzia è il tempo del qui e ora: non è vero che se i bambini crescono presto saranno più felici… Educare il bambino non vuol dire spingerlo in avanti, il tempo dell’infanzia è prezioso.

 Una riflessione di Anna Lia Galardini. 

 

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

Anna Lia Galardini: 27 Gennaio 2020

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola