Luoghi che accolgono

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [SQ9AVVJH] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [UZBP4FNN] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [J9HTZJXI] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => it
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3
Allestire gli spazi interni ed esterni del servizio, per renderli un’opportunità di crescita e di benessere per i bambini, è una parte importante del lavoro pedagogico degli educatori. Di Anna Lia Galardini.  

Nel definire la qualità dell’accoglienza dei bambini e delle loro famiglie al nido, il tema dello spazio ha un ruolo rilevante. Allestire gli spazi interni ed esterni del servizio, per renderli un’opportunità di crescita e di benessere per i bambini, è una parte importante del lavoro pedagogico degli educatori. È infatti a partire dal modo in cui sono organizzati gli spazi che, entrando in un servizio educativo, possiamo capire come gli adulti impostano il loro lavoro e come ci vivono i bambini.

Gli interrogativi a cui fare fronte sono molti.

Come rendere un servizio per l’infanzia un luogo non istituzionale e anonimo, ma animato da un pensiero e da una ricerca personale?
Come farne un luogo che parla ai bambini che ci vivono perché raccoglie piccole tracce della loro storia?
Come dare vita a spazi che esprimano cura e rispetto per i bambini, quindi non poveri e banali, come quelli che evocano l’immagine dei cataloghi degli arredi, ma tali da avere una tonalità emotiva che conferma l’attenzione che è data ai sentimenti e agli affetti?
Come valorizzare il gioco, incoraggiare la curiosità e l’esplorazione, la possibilità del fare e rifare, come alimentare l’immaginazione e sostenere le percezioni sensoriali attraverso l’offerta di oggetti e materiali non omologati?
Come rendere gli spazi dedicati alle ritualità quotidiane familiari e riconoscibili, tali da sostenere la valorizzazione dell’identità di ogni bambino?
Come testimoniare accoglienza verso le famiglie attraverso opportunità a loro dedicate che possano incoraggiare la sosta nel servizio per farne occasione di una conoscenza più ricca del proprio bambino?

Per trovare risposte a questi interrogativi gli educatori hanno bisogno di essere accompagnati, devono avere tempo per riflettere sulle scelte che compiono, devono avere sguardi su realtà diverse dalla loro che siano risorsa per pensieri nuovi aperti al miglioramento.

Editoriale di Nidi d'Infanzia n. 4 marzo-aprile 2018, tema del numero: "Lo spazio e i bambini".

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola