A partire dalle relazioni

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [XWQ4ZSVW] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [TE44HVWN] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [LRSZT6WG] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => it
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3
La qualità del clima in una comunità educativa si costruisce a partire dagli adulti. Con empatia, competenza professionale, capacità di osservare con la mente e con il cuore. Di Anna Lia Galardini. 

Per realizzare la qualità educativa in un servizio per l’in­fanzia è necessario partire dalle relazioni che si costruiscono all’interno, nel gruppo degli adulti e nel gruppo dei bambini, tra il singolo bambino e gli adulti. Le relazioni sono un contenitore ricco di possibilità per l’affettività e per l’apprendimento. A questo tema è dedicato il numero della rivista, con l’obiettivo di riflettere sul valore del clima relazio­nale per il benessere di tutti. Certo è che la qualità del clima in una comunità educativa si costruisce a partire dagli adulti. Quando gli educatori collaborano, quando parlano tra loro con cordialità, oppure accolgono amichevolmente i genitori, danno ai bambini l’immagine di una vita sociale positiva improntata al dialogo e all’ascolto. I bambini si specchiano negli occhi e nei comportamenti degli adulti, sono attenti a come si comportano tra loro nella vita quotidiana e imparano osservando la qualità dei loro legami sociali.
Ci sono poi le relazioni tra bambini. Stare insieme tra bam­bini potenzia le capacità di gioco, favorisce esperienze che consentono a ognuno di trarre dalla presenza degli altri bam­bini un’opportunità di crescita, sia dal punto di vista socia­le che cognitivo, perché la rete di scambi che costruiscono è un’opportunità per lo sviluppo sociale, ma anche per la loro intelligenza.
A proposito di relazioni non si può prescindere dall’attenzio­ne che l’educatore deve dare alla relazione individuale con ogni bambino, per dare a ciascuno un riconoscimento per co­glierne le peculiarità e i bisogni. È un impegno che richiede competenza professionale, empatia, capacità di osservare con la mente e con il cuore. I bambini che hanno al loro fianco adulti che li sanno ascoltare sanno a loro volta ascoltare gli adulti e manifestano la voglia di apprendere da loro. 

Editoriale per il numero 3 2017/18 di "Nidi d'infanzia".
Tema del mese: "Le relazioni al nido". 

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola